Quantcast

Legnano punta sulla formazione professionale, si parte con la musica

Presentati, grazie alla collaborazione con Capac, i corsi di musica certificati e legalmente riconosciuti da Regione Lombardia della scuola di musica legnanese, Niccolò Paganini. L'assessore Maffei: «Un pezzo di puzzle più grande»

Generica 2020

La musica come occasione professionale. La scuola di musica Niccolò Paganini diventa un istituto di formazione professionale e dal prossimo settembre proporrà un corso di diploma in strumento e voce per quanti vorranno diventare musicisti professionisti.

Una promozione “sul campo” per l’istituto che è attivo a Legnano e nel Legnanese da oltre 20 anni e opera con il supporto della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate; un riconoscimento ottenuto grazie alla collaborazione di Confcommercio Legnano e rilasciato dalla Fondazione Capac – Politecnico del Commercio e del Turismo di Milano, che permette alla Paganini l’erogazione di corsi certificati da Regione Lombardia e riconosciuti in Italia e in Europa.

«Grazie alla collaborazione, nata l’anno scorso, con Capac, – ha spiegato in conferenza stampa il direttore della scuola, Fabio Poretti – saremo in grado di proporre dal prossimo settembre corsi di musica certificati e legalmente riconosciuti dalla Regione. Il riconoscimento è legato alla strutturazione dei programmi, all’organizzazione della scuola, alla conformazione delle sedi, alla professionalità del corpo docente e alla qualità delle attrezzature. Il corso non si sostituisce a una laurea o al conservatorio ma può essere una alternativa per chi vuole trasformare la musica in una professione».

Undici i corsi che saranno attivi da settembre, il cui costo, in linea con quello degli enti che erogano corsi professionali regionali, sarà comunicato nelle prossime settimane: ai dieci riservati a uno strumento – chitarra classica, chitarra elettrica, pianoforte classico, pianoforte moderno, tastiera, sassofono, basso elettrico, violino, batteria – si aggiunge quello dedicato al canto. Per l’accesso è previsto un esame di ammissione al fine di valutare il livello di preparazione del candidato. «Al termine del percorso formativo, Regione Lombardia rilascerà un diploma che avrà valore in Italia e in tutta l’Unione Europea –  sottolinea Poretti – Gli studenti più meritevoli e interessati avranno fin da subito la possibilità di potersi cimentare nella pratica dell’insegnamento già nella scuola Paganini, attraverso un percorso formativo post diploma strutturato ad hoc per permettere di acquisire e sviluppare competenze specifiche in questo ambito».

L’iniziativa è stata patrocinata dal Comune di Legnano, in quanto corso professionale accreditato da Regione Lombardia con l’ottica di sostenere e promuovere questa tipologia di formazione professionalizzante: «Legnano in questi giorni pullula di iniziative belle soprattutto per i giovani – ha esordito l’assessora all’Istruzione di Legnano, Ilaria Maffei -. L’’iniziativa della scuola Paganini che siamo contenti di presentare è un pezzetto di un puzzle più grande. Come amministrazione abbiamo approvato in consiglio comunale una mozione per attivate un Its sul territorio e stiamo avendo commissioni e incontri con le nostre scuole per avviare corsi post diploma in grado di formare profili tecnici altamente qualificati per rispondere alle esigenze delle imprese del territorio. L’obiettivo è preparare i nostri giovani alle sfide sempre più impegnative poste dal mondo del lavoro».

Il Comune di Legnano si è impegnato a creare un Istituto Tecnico Superiore (ITS)

 

Per l’attivazione dei corsi di musica è stata fondamentale la partnership con Fondazione Capac, eccellenza nella formazione professionale in Lombardia da 60 anni: «Come ente formativo di riferimento del Sistema Confcommercio lombardo – ha spiegato il direttore del Capac, Gabriele Cartasegna – Capac può contare su un network di oltre 500 aziende partner che condividono la nostra mission di coltivare talenti e competenze anche seguendo le innovazioni dell’economia e le trasformazioni del mercato del lavoro. I settori in cui Capac opera sono food & beverage, turismo e ospitalità, meccanica e automotive, real estate, distribuzione, trasporti e logistica, servizi alla persona, cultura e spettacolo. Da oggi si aggiunge una nuova area di lavoro, quella della musica. La sinergia tra la profonda conoscenza del mondo musicale di Scuole Paganini e il forte orientamento al lavoro che è nel dna di Capac, ha proprio l’obiettivo di fornire – ai tanti giovani di talento che vogliono intraprendere un percorso da musicisti o cantanti – non solo competenze elevate ma anche certificate legalmente, e quindi spendibili in ogni ambito professionale a livello europeo».

Una collaborazione, quella con Capac, che non si ferma qui: «Il nostro territorio da oggi può contare anche sulla fondazione Capac per qualificare i cittadini dell’Alto Milanese – ha sottolineato Paolo Ferrè, presidente di Confcommercio Legnano -: L’iniziativa di oggi rappresenta un punto di partenza per il nostro sistema con la certezza che sarà l’inizio di una partnership duratura. Il nostro territorio da oggi può contare anche sulla fondazione Capac per qualificare i cittadini dell’Alto Milanese».

Confermato anche il sostegno della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Roberto Scazzosi, «al fianco della scuola Paganini nel promuovere la cultura, e nello specifico, la musica come elemento di crescita per il nostro territorio». «Questa ulteriore certificazione è un tassello importante che arricchisce l’offerta professionale per i giovani che vogliono fare della loro passione per la musica anche il loro lavoro. È un segnale di speranza – ha commentato il presidente della Bcc di Busto Garolfo e Buguggiate, Roberto Scazzosi – con il quale rinnoviamo la collaborazione con la scuola per essere sempre più vicini al territorio».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 20 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore