Quantcast

Ultima ospite guarita, la RSA Sant’Erasmo di Legnano è Covid-free

Dopo che anche l'ultima ospite è guarita, la RSA Sant'Erasmo è finalmente Covid-free e si prepara ad accogliere nuovi ospiti nella struttura

Fondazione sant'erasmo

Anche l’ultima ospite ancora positiva al coronavirus è guarita: dopo essere stata duramente colpita nei mesi scorsi dalla pandemia, la RSA Sant’Erasmo di Legnano è finalmente Covid-free. Proprio oggi, mercoledì 22 luglio, è stata definitivamente chiusa la zona “rossa”, che entro domani sarà sanificata liberando 24 posti in vista dei nuovi ingressi.

Nelle ultime due settimane, da quando le porte della RSA si sono riaperte ai nuovi arrivi, sono già stati accolti sei nuovi ospiti, ed entro la fine della settimana ne arriveranno altri quattro. Gli spazi ora liberi con la chiusura della zona “rossa” permetteranno peraltro di accelerare il processo, anche se «occorre comunque agire gradualmente – come spiega il direttore generale della struttura Livio Frigoli – per garantire l’isolamento temporaneo dei nuovi ospiti». La delibera regionale che autorizza la riapertura prevede infatti che il rientro in struttura sia preceduto da test ed esami sierologici nei 14 giorni precedenti l’ingresso e che, dopo il ricovero, vengano garantiti altrettanti giorni di isolamento. «L’importante però – aggiunge Frigoli – è che siamo ripartiti e che il percorso di rientro stia proseguendo nel rispetto del piano sottoscritto dal presidente Godano ad inizio mese».

fondazione sant'erasmo legnano

Dallo screening effettuato sulla lista d’attesa, 31 famiglie si sono dichiarate disponibili ad entrare subito nella fondazione di corso Sempione e molte altre hanno confermato l’interesse ma chiedono di essere accolte subito dopo l’estate. Con un dato significativo: tra gli ospiti pronti al trasferimento immediato, otto sono attualmente ricoverati in altre strutture. «Il fatto che molti bussino alla nostra porta – sottolinea il presidente della fondazione Domenico Godano – è un fatto oggettivo che conferma che la fiducia nella nostra struttura è ancora molto alta e che ci ripaga dai sacrifici e dalle difficoltà di questi mesi».

«Il pensiero – prosegue il presidente, che ha anche ringraziato ospiti e familiari per la fiducia dimostrata nei mesi caldi dell’emergenza – va ai tanti che ci hanno lasciato, ai tanti lavoratori che si sono ammalati e a tutti quelli che hanno sempre e offerto il proprio prezioso servizio, rimanendo al proprio posto per garantire la continuità delle cure agli ospiti. Sono stati eccezionali e sono fiero di ciascuno di loro. Nonostante le difficoltà nei prossimi giorni vogliamo comunque riuscire a reperire le risorse per un premio simbolico ai tanti che hanno fatto fino in fondo il proprio dovere durante l’epidemia».

Le sfide, ora, per la RSA Sant’Erasmo sono due: lasciare il Covid-19 fuori dalla struttura qualora in autunno dovesse esserci una seconda ondata, e riequilibrare i conti presi a spallate negli ultimi mesi dalla pandemia e dal blocco dei nuovi ingressi.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 22 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore