Distanziamento e misurazione febbre, così ripartono palestre e piscine

Alessio Bombardieri, responsabile nuoto del B.Fit di Legnano, ci ha spiegato come è stato riorganizzato il centro sportivo in base alle nuove regole anti-covid

B.fit


Dal 1 giugno Regione Lombardia ha dato il via libera alla riapertura di palestre e piscine. A Legnano, la piscina comunale si sta organizzando per partire in sicurezza entro il 15 di giugno, mentre altre realtà private in città hanno già accolto i primi clienti.  Alessio Bombardieri, responsabile nuoto del B.Fit di Legnano, ci ha spiegato (nel video in pagina l’intervista) come è stato riorganizzato il centro sportivo in base alle nuove regole anti-covid: «Abbiamo seguito alla lettera le linee guida federali e i protocolli ministeriali – spiega Bombardieri -. All’ingresso abbiamo predisposto due gazebo con facilitatori che informano gli sportivi, fanno firmare l’autocertificazione e misurano la febbre con il termoscanner; all’interno abbiamo delimitato corridoi separati per utenti, personale ed esterni (per le mamme è stato realizzato uno spazio ad hoc con aree di sosta distanziate) e sono stati disegnati percorsi obbligati da seguire per raggiungere le diverse aree del centro, per evitare che flussi di entrata e di uscita contrastino tra loro».

Galleria fotografica

riaperture piscine 4 di 11

Per la sala pesi è stata predisposta la prenotazione obbligatoria, per fasce orarie di un massimo di 90 minuti, e la sanificazione degli attrezzi, mentre in piscina sono stati  aumentati sia gli istruttori che le corsie, in modo da rispettare i 7 metri quadri quadri di superficie d’acqua per persona. Restrizioni anche a nella piscina esterna dove è consentito un afflusso massimo di 170 persone, come il numero di lettini posizionati a 1 metro e mezzo di distanza. «Questa riorganizzazione del centro – spiega Bombardieri – ha permesso di poter fare ripartire in sicurezza tutti i corsi e di fare ripartire gli allenamenti dell B.Fit Nuoto Master». Riaperti, in sicurezza, anche i campi da tennis, rifatti con nuova terra battuta.

Non è invece possibile accedere agli spogliatoi, proprio per le dimensioni ridotte delle stanze, e l’invito agli sportivi è quello di presentarsi in palestra già in abito da fitness o con il costume sotto i vestiti, per cambiarsi come nelle spiagge libere in estate.

 

 

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 01 Giugno 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

riaperture piscine 4 di 11

Video

Distanziamento e misurazione febbre, così ripartono palestre e piscine 1 di 1

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore