Quantcast

Mirko Oro estradato: è in carcere a Como

L’ex imprenditore, re dei compro oro, era stato arrestato dalle autorità svizzere a Mendrisio nello scorso febbraio per un cumulo di pena. Proprio domani ci sarà l'udienza preliminare per la bancarotta dei suoi negozi

Secondo trimestre 2015

Le autorità di polizia svizzere hanno consegnato oggi, 26 aprile all’Italia a seguito di richiesta di estradizione Mirko Rosa.

L’imprenditore, ex re dei compro oro fra Varesotto e Milanese meglio noto come Mirko Oro era stato arrestato dalla polizia ticinese nel febbraio scorso, raggiunto da un ordine di cattura internazionale per un cumulo di pena.

Così il personale del nucleo investigativo del Comando Provinciale Carabinieri di Varese lo ha atteso in dogana a Ponte Chiasso dove gli è stato notificato il provvedimento del tribunale di Busto Arsizio, unitamente alla polizia di frontiera di Como, ed è stato portato in carcere a Como.

Rosa aveva ingaggiato una vera e propria sfida con le forze dell’ordine attraverso video postati sui social, con la convinzione di poter rimanere impunito, rivolgendo parole che suonavano come burla e rivolte proprio ai militari: «Maresciallo non sprecare i soldi, tanto non mi prenderete mai».

Invece il quarantaseienne era caduto nella trappola degli investigatori che stavano tracciando la sua posizione, e non appena è arrivato il via libera dall’autorità giudiziaria è bastato per i carabinieri del reparto operativo di Varese avvisare i colleghi della polizia cantonale di Mendrisio per attivare l’arresto.

Proprio domani, martedì, dovrà comparire davanti al Gup Stefano Colombo, insieme al padre Osvaldo, per la bancarotta della catena di negozi compro oro che portava il suo nome.

La latitanza di Mirko Rosa dura poco, le manette scattano a Mendrisio

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 26 Aprile 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore