Quantcast

Lombardia in “arancione rafforzato”, il vicesindaco di Rescaldina: «Scuola messa dietro a tutto»

Il vicesindaco Enrico Rudoni contesta anche il metodo comunicativo: anche oggi il comune ha appreso la notizia dai giornali prima della comunicazione ufficiale

comune di rescaldina

Ancora poche ore e l’arancione di cui da qualche giorno si è colorata la Lombardia si farà più scuro: dalla mezzanotte di venerdì 5 marzo la Regione passa infatti in “zona arancione rafforzata” per effetto di un’ordinanza firmata poco fa dal presidente Attilio Fontana. La pandemia è tornata a correre, i parametri sono in rapido peggioramento e il Pirellone ha deciso di non aspettare il bollettino settimanale del comitato tecnico-scientifico per dare un giro di vite alle misure per fermare il Covid-19.

Ad un anno dalla prima chiusura, per effetto del nuovo provvedimento da domani le campanelle delle scuole lombarde torneranno quindi silenziose: si riparte con la didattica a distanza, gli studenti tornano dietro allo schermo del computer. E la decisione, che nel nostro territorio aveva già avuto un precedente nella “serrata” della scuola primaria Tarra a Busto Garolfo, sembra destinata però a far discutere.

«È scandaloso, la scuola viene ancora una volta messa dietro a tutto – sbotta il vicesindaco di Rescaldina, Enrico Rudoni -: questo non è il modo giusto di lavorare, sottende un pensiero sbagliato e svilente verso la scuola che nuovamente viene considerata dopo una serie di interessi. Dopo mesi di sacrifici, si torna alla didattica a distanza che ha già mostrato tutti i suoi limiti. A distanza di un anno, peraltro, non è ancora stato trovato un metodo nemmeno per le comunicazioni: anche oggi abbiamo appreso la notizia da giornali e telegiornali prima di avere comunicazioni ufficiali. È irrispettoso nei confronti di tutti: prima di tutto dei genitori, dei bambini, che stanno soffrendo moltissimo questa situazione, e delle scuole, ma anche verso i comuni, che stanno cercando di barcamenarsi in questa situazione e non hanno informazioni se non in via indiretta».

Rescaldina, però, stavolta non intende stare a guardare. «Chiederemo al segretario se sia possibile “ribellarsi” ad un’ordinanza del genere – aggiunge Rudoni -: chiaramente non intendiamo mettere in nessun modo a repentaglio la salute di nessuno, ma non siamo burattini senza pensiero e siamo stufi e demoralizzati: non ci sembra rispettoso lavorare così».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 04 Marzo 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore