Quantcast

Il raccordo Y e potenziamento Rho-Gallarate non piace a Canegrate

Il sindaco Roberto Colombo ha sottolineato la sua contrarietà sul progetto di Rfi «Continuo a essere convinto che sarebbe stato meglio l'interramento»

binari

Il quadruplicamento della linea ferroviaria Rho-Parabiago, insieme al raccordo Y all’altezza della stazione Fnm di Castellanza e al triplicamento del tratto Parabiago-Gallarate non piace a Canegrate. Ancora una volta il sindaco Roberto Colombo ha sottolineato la sua contrarietà sul progetto di Rfi «Continuo a essere convinto che sarebbe stato meglio l’interramento della linea ferroviaria, sarebbe stata una soluzione meno impattante».

Un anno fa l’assemblea del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici aveva dato il via libera adesso sono state avviate le procedure di esproprio, comunicate da Italfer con un avviso pubblicato sul proprio sito. L’opera fa parte del potenziamento della tratta Rho-Gallarate sulla linea ferroviaria Rho-Arona con l’obiettivo di migliorare l’accessibilità all’aeroporto di Malpensa (e col rischio di essere un doppione della nascente linea Gallarate-Terminal 2 sempre di Rfi), nonchè nel collegamento veloce tra l’Italia e la Svizzera.

L’intervento interesserà i comuni di Rho, Pregnana Milanese, Vanzago, Pogliano Milanese, Nerviano, Parabiago, Canegrate e Legnano, nella Città Metropolitana di Milano e dei Comuni di Castellanza e Busto Arsizio in Provincia di Varese. Per 60 giorni consecutivi, a partire dalla data del 14 dicembre, tutti gli interessati potranno consultare il progetto per poi presentare le proprie osservazioni in forma scritta a mezzo raccomandata. «Metteremo sul sito del Comune – spiega Colombo – tutte le informazioni utili per permettere ai cittadini interessati dagli espropri di poter inviare a Rfi le proprie osservazioni».

di gea.somazzi@legnanonews.com
Pubblicato il 21 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore