Quantcast

Legambiente: «Controlli e barriere contro i rifiuti abbandonati al Parco del Roccolo»

La richiesta arriva dai circoli Legambiente di Arluno, Canegrate e Nerviano, che denunciano i ritardi nella rimozione dei rifiuti raccolti con "Puliamo il Mondo"

Puliamo il mondo

Più di un mese per rimuovere i rifiuti raccolti dai volontari con “Puliamo il Mondo” al Parco del Roccolo. Domenica 11 ottobre 130 volontari avevano battuto a tappeto l’area del polmone verde a ridosso della zona interessata dal progetto per la realizzazione di una discarica di rifiuti speciali, raccogliendo decine di sacchi di immondizia e differenziando plastica e vetro. Per fare piazza pulita di questi rifiuti, però, c’è voluto più di un mese e il ritardo ha lasciato l’amaro in bocca ai circoli Legambiente di Arluno, Canegrate e Nerviano.

«Siamo consapevoli delle difficoltà del momento, ma ci sembra comunque opportuno sottolineare che questi ritardi possono diventare lesivi dell’immagine del parco e delle future iniziative che si andranno ad organizzare, nuocere alla battaglia antidiscarica, rendendo meno credibili tutti, a partire dagli attori istituzionali – spiegano i tre circoli del Cigno Verde -. Senza contare che l’esperienza ci ha insegnato che se non si interviene rapidamente ai rifiuti presenti se ne aggiungeranno altri. Chiediamo quindi di ripristinare al più presto le barriere anti-intrusione nelle vicinali del parco, consentendo così l’accesso ai soli mezzi dei proprietari e dei conduttori dei fondi agricoli, auspicando che vengano intensificati i controlli e sanzionati i comportamenti incivili di chi abbandona i rifiuti. Azioni rapide ed incisive per la tutela del Parco del Roccolo e del territorio sono la migliore risposta alle aspettative della cittadinanza».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 27 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore