Quantcast

Mercati, parchi, negozi e spostamenti: le linee guida per l’Alto Milanese

I sindaci dell'Alto Milanese provano a sciogliere i dubbi dei cittadini con un vademecum di cosa si può fare e cosa no e una lettura unitaria del DPCM

Generica 2020

È iniziato oggi, venerdì 6 novembre, il lockdown per la Lombardia e le altre Regioni in “zona rossa” in base alle indicazioni contenute nell’ordinanza del ministro della salute Roberto Speranza. Tra saracinesche abbassate e strade che si svuotano, sono ancora tanti i dubbi dei cittadini, che si chiedono cosa sia possibile fare e cosa no. Così i sindaci dell’Alto Milanese hanno provato a fare chiarezza e a dare una lettura unitaria ad alcuni punti delle disposizioni contenute nell’ultimo decreto del presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte.

Galleria fotografica

Legnano zona rossa 4 di 14

SPOSTAMENTI
È vietato ogni spostamento, anche all’interno del proprio comune, in qualsiasi orario, salvo che per motivi di lavoro, necessità e salute nonché, se i servizi nel proprio comune non fossero sufficienti, in un comune vicino. Vietati gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici o privati, da una Regione all’altra e da un Comune all’altro. È comunque consentito il rientro al proprio domicilio, abitazione o residenza. Sono consentiti gli spostamenti strettamente necessari allo svolgimento della didattica in presenza (accompagnamento di minori a scuola). È indispensabile negli spostamenti l’uso di autocertificazioni.

DOMANDE E RISPOSTE
Posso recarmi in un altro paese per servirmi da un esercizio commerciale aperto?
Parrucchiere: No, salvo future o diverse indicazioni interpretative ufficiali
Supermercato: Si, solo nei comuni confinanti e se non presenti recarsi nel comune più vicino
Ristorante per asporto: No
Esercizi commerciali aperti: Si, nel comune più prossimo se non presenti nel proprio comune

Posso recarmi dai congiunti?
No, a meno di motivi di necessità come ad esempio genitore o famigliare che necessita assistenza o spesa, etc.

RISTORANTI E BAR
Sono sospese le attività dei servizi di ristorazione (bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, a condizione che vengano rispettati i protocolli atti a prevenire o contenere il contagio. Resta consentita la ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto. Consentita anche la modalità ristorazione da asporto (sempre fino alle 22) con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze. Restano aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande negli autogrill, negli ospedali e negli aeroporti. Il servizio a domicilio è sempre possibile nel territorio di competenza. L’asporto è possibile solo nel comune di residenza, a meno che non vi sia l’attività nel proprio.

DOMANDE E RISPOSTE
Per quanto riguarda l’asporto, i clienti dove attendono il loro turno per essere serviti?
È consentito l’accesso al locale uno alla volta, e solo ed esclusivamente per il ritiro della merce. Non è consentita la consumazione all’interno o all’esterno dell’attività. Rimane evidente che deve essere premura del gestore far rispettare le normative anti Covid-19.

È consentito acquistare da asporto presso un comune diverso da quello di residenza?
No, a meno che manchi l’attività nel proprio comune.

Per quanto riguardo la consegna a domicilio, potrà essere effettuata solo all’interno del comune in cui è l’esercizio commerciale?
No, la consegna a domicilio è consentita in tutti i comuni in quanto considerata attività lavorativa.

Il bar può rimanere aperto per asporto?
Si, ma rimane vietata la consumazione sia all’interno che all’esterno del locale.

Il bar può rimanere aperto per consegna a domicilio?
Si

Può rimanere aperto il bar limitatamente ai servizi SISAL (ricariche, pagamenti, schedine)?
Sì, solo per ricariche e pagamenti

NEGOZI
Sono sospese le attività commerciali al dettaglio sia nei negozi di quartiere che negli esercizi nelle medie e grandi strutture di vendita (centri commerciali). Rimangono aperti: supermercati e negozi di generi alimentari, farmacie, parafarmacie e negozi di articoli sanitari ed ortopedici, ottici, negozi di computer, telefonia, elettrodomestici, tabaccai, rifornitori di carburante, negozi di saponi e detersivi, ferramenta, negozi di vernici e materiali da costruzione, negozi di prodotti per l’agricoltura e giardinaggio, articoli per l’illuminazione, edicole, cartolerie, negozi per neonati e bambini, negozi di biancheria personale, negozi sportivi e di biciclette, negozi di autoveicoli e motocicli e relative parti ed accessori, profumerie ,barbieri e parrucchieri, erboristerie, fiorai e vivai, lavanderie, negozi per animali domestici, negozi di combustibili. Rimangono attivi i distributori h24, ma con chiusura anticipata dalle 18 alle 5 del mattino seguente. Restano aperti gli studi professionali. Chiusi i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Sarà possibile spostarsi dal proprio comune nei comuni confinanti e vicini per necessità connesse ai servizi attivi nel territorio.

L’elenco completo per gli esercizi commerciali è dettato dall’allegato 23 al DPCM del 3 novembre, mentre l’elenco completo dei servizi alla persona nell’allegato 24.

DOMANDE E RISPOSTE
Se un esercizio commerciale è aperto in un altro paese posso andarci anche se il paese non è quello in cui risiedo?
Sì, solo se manca attività nel mio comune, nel paese più prossimo

UFFICI PUBBLICI COMUNALI
Aperti solo servizi essenziali: contatta il tuo comune o consulta il sito web per informazioni. Accesso consentito solo su appuntamento.

PARCHI PUBBLICI
L’accesso a parchi, ville e giardini pubblici è condizionato al rigoroso rispetto del divieto di assembramento e della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

DOMANDE E RISPOSTE
Posso andare al parco a correre?
Si, ma solo nel tuo comune di residenza.

Posso andare al parco a fare attività sportiva?
Si, ma solo in modo individuale e nel tuo comune di residenza.

SPORT
È consentito svolgere individualmente attività motoria all’aperto, nei pressi della propria abitazione, nel rispetto di almeno un metro di distanza da ogni altra persona, con obbligo di utilizzo di dispositivi di protezione delle vie respiratorie. Sono sospese le attività nei centri sportivi, è consentito lo svolgimento di attività sportiva esclusivamente all’aperto e in forma individuale. Riassumendo: no allo sport di gruppo di tipo associativo, sì allo sport individuale nel comune di appartenenza, passeggiate possibili vicino casa. Sono sospese tutte le competizioni sportive, tranne quelle riconosciute a carattere nazionale da CONI e CIP.

DOMANDE E RISPOSTE
Posso fare una corsa nel bosco? Devo usare la mascherina?
Si, solo individualmente e nel comune di residenza. Non dovrai utilizzare la mascherina durante l’attività sportiva (ma devi averla con te e indossarla al termine dell’attività sportiva.

Posso allenarmi in bicicletta?
Si, solo individualmente e all’interno del comune di residenza.

Posso fare una passeggiata in paese allontanandomi da casa?
No, devi rimanere nei pressi della tua abitazione.

CINEMA E TEATRI
Sospesi gli spettacoli teatrali ed i concerti. Chiusi i cinema. Chiusi i musei e le mostre. Chiuse le biblioteche. Restano sospese le attività che hanno luogo in sale da ballo, discoteche e locali assimilati, all’aperto al chiuso. Sono vietate le feste – nei luoghi al chiuso e all’aperto – anche se conseguenti alle cerimonie civili e religiose (matrimoni, comunioni, etc.). È fortemente raccomandato non ricevere in casa persone diverse dai conviventi. Vietate le sagre, le fiere di qualunque genere ed eventi analoghi. Sospesi i convegni ed i congressi, ad eccezione di quelli che si svolgono con modalità a distanza. È fortemente raccomando svolgere riunioni private in modalità a distanza. Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò. Vietato l’uso di macchinette da gioco e “slot machine” anche nei bar e nelle tabaccherie. L’accesso ai luoghi di culto deve avvenire con misure organizzative tali da evitare assembramenti, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi. Restano garantite le attività del settore agricolo, zootecnico, di trasformazione agroalimentare e le filiere che forniscono beni e servizi.

DOMANDE E RISPOSTE
Posso avere i libri a domicilio, ordinandoli in biblioteca? Si, se è un servizio offerto dalla tua biblioteca.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 06 Novembre 2020
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Legnano zona rossa 4 di 14

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore