Quantcast

Scuola media di Nerviano, l’assessore: «Fatto più del dovuto»

L'assessore all'istruzione del Comune di Nerviano, Sergio Girotti, interviene a due settimane dalla pubblicazione del video realizzato e diffuso professori Piscitelli e Cannavacciuolo.

scuola

L’assessore all’istruzione del Comune di Nerviano, Sergio Girotti, interviene a due settimane dalla pubblicazione del video realizzato e diffuso professori Piscitelli e Cannavacciuolo «tendenti a mostrare – scrive l’assessore – il degrado e il mancato approntamento delle aule nella scuola di via Diaz». (Qui la videodenuncia)

«Questo video – prosegue l’assessore, la cui amministrazione è stata attaccata sulla gestione delle scuole anche dal gruppo di opposizione “Tutti per Nerviano – mira ad insinuare dubbi e ad attaccare chiaramente, a senso unico, l’operato del Comune; Al riguardo va precisato che: in quella data, lunedì 7 settembre, il lavoro di adattamento delle aule, tramite trasloco degli arredi e dei materiali considerati in esubero in quella scuola, non era ancora iniziato mentre era già stato completato nei plessi di S.Ilario, Garbatola elementare e materna, materna di via dei Boschi, elementari di via Di Vittorio ed era in corso quello nel plesso di via Roma».

«Va precisato per maggior comprensione che col decreto legge n.34 del 19 maggio 2020 venivano assegnati direttamente alle scuole fondi per “..servizi di lavanderia, di rimozione e smaltimento rifiuti..” e per “..adattamento degli spazi interni ed esterni e delle loro dotazioni.. ..inclusi interventi di piccola manutenzione.. ..di pulizia straordinaria.. ..realizzazione, adeguamento e manutenzione dei laboratori didattici e
delle palestre..“. Le scuole di Nerviano si sono viste assegnare euro 46.049,33. In molti Comuni a noi vicini il lavoro di adattamento degli spazi interni, tramite sgombero degli armadi e dei materiali ritenuti non indispensabili, è stato fatto direttamente dalla scuola ed in alcuni altri dalla scuola con l’aiuto del Comune mentre il nostro Dirigente Scolastico non ha ritenuto di poterlo fare direttamente scaricando tale onere sulle spalle del Comune. Premesso che dall’analisi degli spazi disponibili fatta con sopralluogo risultava che, a nostro avviso, gli stessi fossero sufficienti senza lo spostamento, è stata inviata tale analisi alla scuola (per due volte, la prima il 24 luglio) senza risposta alcuna, anzi, il 3 agosto la scuola ha inviato una richiesta ufficiale di spostamento degli arredi. Il 26 agosto, all’incontro col Dirigente Scolastico, lo stesso chiese esplicitamente al Comune di spostare gli arredi per adattare gli spazi interni non per mancanza di spazi ma per “eliminare possibili fonti di annidamento del virus” ; E’ stato da noi ribadito che tale lavoro era di competenza della scuola che aveva ricevuto anche i fondi dal Ministero con la ferma opposizione del Dirigente che ribadiva come la Scuola non intendesse assumersi tale onere. Onde non lasciare la scuola nel caos e per non compromettere l’avvio dell’anno scolastico il Comune ha individuato una ditta di facchinaggio che dopo un sopralluogo fatto lunedì 31 agosto per capire l’entità degli arredi da spostare, ha iniziato i lavori venerdì 4 settembre. Nel frattempo sono stati completati a cura del Comune anche quei lavori di “piccola manutenzione” come lo spostamento di alcune lavagne ed altri piccoli interventi nonostante fossero a carico della scuola».

«Nel precisare tutto ciò rimarco ancora come l’amministrazione comunale si sia mossa – prosegue Girotti –  pur nella difficoltà dell’emergenza, con tutta la diligenza necessaria sobbarcandosi anche di compiti a lei non assegnati con la finalità di avviare al meglio un anno scolastico sicuramente difficile per tutti. Spiace vedere come due professori che ignorando la situazione e gli sforzi fatti, così spero altrimenti sarebbe
sciacallaggio, abbiano inferto con questo video un colpo a tradimento a chi stava lavorando per loro, Comune e Personale Scolastico. Vi è tanta amarezza per quanto successo che ha ingenerato confusione e dubbi in un momento nel quale serviva e serve chiarezza; Si ribadisce la massima fiducia e volontà di collaborazione con il mondo scuola per affrontare e risolvere le diverse problematiche aperte. Ricordo in ultimo che il prof. Piscitelli, che oggi si mostra così attento alle problematiche di quella scuola, nelle due precedenti Amministrazioni Comunali era consigliere di maggioranza che in quei 10 anni in questa scuola  non ha nemmeno “piantato un chiodo” e capisco il livore di usare questi argomenti denigratori per inaugurare la prossima campagna elettorale, auguri professore».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 18 Settembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore