Centomila euro per il commercio a Parabiago, presentato il bando

Sul territorio, oltre a Parabiago, anche il Distretto Urbano del Commercio di Legnano può partecipare al bando, ma al per il momento non l'ha ancora fatto.

Generico 2018

Centomila euro per sostenere la ripresa delle attività imprenditoriali e commerciali della città di Parabiago. A tanto ammonta il contributo che Regione Lombardia ha destinato alle  amministrazioni comunali che hanno partecipato al bando- tra queste Parabiago – per la ricostruzione economica territoriale urbana attraverso i Distretti del Commercio. Un aiuto concreto per i commercianti che hanno fortemente sofferto in questi mesi di lockdown, che potranno accedere a fondi  per recuperare le spese sostenute nel periodo dell’emergenza sanitaria: ogni commerciante potrà beneficiare di un fondo perduto pari a metà delle spese sostenute, correnti o per investimenti, per un massimale di 2mila euro.

Inoltre, per i Comuni che provvederanno ad emanare il bando e la conclusione della concessione dei contributi ai soggetti beneficiari entro il 31 dicembre 2020, è prevista una premialità di 30mila  euro per le spese sostenute dall’amministrazione (Parabiago ha affidato il progetto a un professionista investendo 19mila euro), un ulteriore contributo che l’amministrazione comunale di Parabiago, per voce del Sindaco Cucchi, ha già richiesto a Regione Lombardia: «Il commercio, la ristorazione, ma il mondo imprenditoriale in genere – ha dichiarato il primo cittadino Raffaele Cucchi- sono settori che maggiormente stanno accusando una difficoltà di ripresa economica. Siamo lieti che Regione Lombardia abbia deciso di attivarsi in tal senso e da subito, in collaborazione con gli uffici comunali, ci siamo attivati per poter ottenere questi finanziamenti che, seppur minimi, sono sempre un’opportunità di investimento per il nostro territorio. Questo giovedì  porteremo quindi in giunta la variazione di bilancio e subito dopo pubblicheremo il bando per permettere alle attività commerciali di presentare domanda al più presto. Non ci saranno graduatorie ma una semplice istruttoria per controllare i requisiti di chi richiede i fondi: una procedura rapida per arrivare ad erogare i contributi entro il 31 dicembre 2020».

«L’unico paletto che abbiamo messo – ha spiegato Umberto Marazzini, referente del Distretto Urbano del Commercio di Parabiago – è l’iscrizione alla nostra associazione, che sostiene il commercio locale». Possono partecipare al bando anche parrucchieri, estetisti piccoli artigiani e negozi di servizi, purchè rientrino nel perimetro del Distretto Urbano del Commercio, realtà che Regione Lombardia ha valutato tra le più attive in Regione. Esclusi invece i supermercati, «una scelta fatta nell’ottica di favorire le realtà più piccole», ha spiegato Cucchi.

Al bando partecipano anche Camera di Commercio e Confcommercio di Legnano e zona: «Questo bando – ha dichiarato il presidente di Confcommercio, Paolo Ferrè – è sicuramente una grande opportunità per i commercianti che mai come in questo periodo di lockdown hanno dimostrato di sapere un servizio di prossimità fondamentale per la comunità locale». Sul territorio, oltre a Parabiago, anche il Distretto Urbano del Commercio di Legnano può accedere ai fondi regionali ma al per il momento la domanda non è ancora stata presentata: «Mi auguro che anche il Comune di Legnano riesca ad aderire al bando – ha dichiarato Ferrè – e che lo faccia in tempo anche per beneficiare anche della premialità e non perdere una occasione di rilancio per il commercio locale».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 14 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore