Quantcast

Edilizia scolastica, dal Ministero oltre 750mila euro per il Legnanese

I fondi per l'edilizia scolastica stanziati dal Ministero serviranno per adattare aule e spazi scolastici alle misure per evitare la diffusione del Covid-19

banchi scuola

Oltre 75omila euro per permettere alle scuole del territorio di riaprire in sicurezza a settembre: il Ministero dell’Istruzione ha assegnato 759mila euro di contributi per l’edilizia scolastica al Legnanese, che serviranno a realizzare interventi sugli istituti scolastico in modo che gli studenti possano tornare in classe nel rispetto delle misure anti-contagio disposte dal Comitato tecnico-scientifico.

I contributi, che derivano da fondi strutturali europei destinati all’«aumento della propensione dei giovani a permanere nei contesti formativi, attraverso il miglioramento della sicurezza e della fruibilità degli ambienti scolastici», potranno essere utilizzati, ad esempio, per adattare e adeguare le aule didattiche e gli ambienti scolastici in generale, ma anche per nuovi arredi scolastici che permettano di mantenere il distanziamento sociale tra gli studenti.

Le risorse sono state ripartite tra i comuni che ne hanno fatto richiesta in base alla popolazione scolastica della città o del paese, ovvero in parole povere tenendo conto del numero di iscrizioni registrate nell’anno scolastico 2019-2020. La procedura del Ministero inizialmente dava tempo alle amministrazioni fino al 24 giugno per presentare la richiesta di contributo, ma i termini per presentare la domanda erano poi stati riaperti fino al 9 luglio.

Fondi per l’edilizia scolastica, riaperto il bando per i “ritardatari”

Proprio la riapertura ha permesso a diversi comuni del Legnanese di riuscire ad “accaparrarsi” i fondi. Se infatti la prima scadenza era stata rispettata solo da Busto Garolfo, Canegrate, Parabiago, Rescaldina, San Vittore Olona e Villa Cortese, alla seconda chiamata hanno risposto anche Cerro Maggiore, Dairago, Legnano, Nerviano e San Giorgio su Legnano. Così a Legnano arriveranno 230mila euro, a Parabiago 110mila, a Busto Garolfo, Cerro Maggiore, Nerviano e Rescaldina 70mila, a Canegrate 40mila, a Dairago, San Vittore Olona e Villa Cortese 28mila e a San Giorgio su Legnano 15mila.

Capitolo a parte, per quanto riguarda la messa in sicurezza, è quello delle scuole secondarie di secondo grado: in questo caso, infatti, l’interlocutore per quanto riguarda l’edilizia scolastica non sono i singoli comuni ma la Città Metropolitana di Milano. Grazie ai fondi assegnati dal Ministero, nelle casse di Palazzo Isimbardi arriveranno in tutto 3 milioni di euro.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 17 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore