Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Il rugby Legnano ritorna in campo

Grazie all’ Amministrazione Comunale che ha messo a disposizione un campo eccezionale, il Peppino Colombo, al Concentramento Internazionale del Rugby Legnano hanno preso parte oltre 200 persone tra giocatori, genitori,  accompagnatori e tifosi della palla ovale. La “voglia di Rugby” è arrivata da lontano, con i Castori di Lugano dalla Svizzera, lo Stade Valdôtain Rugby dalla Valle D’Aosta, il CUS Genova Rugby dalla Liguria, che si sono confrontate con le “vicine di casa” Rugby Nord Milano, ASD Malpensa Rugby, San Giuliano Rugby ed ovviamente la padrona di casa Rugby Legnano.Il morbido manto del campo Peppino Colombo ha visto sfidarsi tutte le squadre, a cominciare dall’Under 6/8/10 intorno alle 11 sino all’Under 12 che ha terminato alle 15,30.

Tra gli spettatori, il Concentramento Internazionale ha avuto anche l’onore di ospitare gli assessori alla cultura Franco Colombo, ed all'urbanistica Gianluca Alpoggio, che oltre ad aver partecipato al mitico terzo tempo, ha tra l’altro premiato le migliori squadre del torneo. «Quando alzi lo sguardo e vedi tutta questa gente che è felice e si diverte insieme, non puoi che essere contento e soddisfatto di come la festa stia andando bene - commenta Walter Morelli, Presidente dell’ASD Rugby Legnano – Gran parte del successo di oggi  lo dobbiamo a questo bell’impianto sportivo, tutte le squadre si sono complimentate per la struttura e la morbidezza dell’erba… Oltre all’Amministrazione però, abbiamo tante altre persone da ringraziare, primi tra tutti Umberto e l’Associazione degli Invisibili che hanno preparato per tutti i ragazzi una pasta buonissima!».

In una giornata perfetta, l’unica nota stonata arriva proprio dalle famiglie del Rugby LegnanoQuesto campo da sogno ci è stato solo prestato per il concentramento, da domani la dura realtà è che torneremo al Campo dell’Amicizia, su un campo duro e di sabbia, a dribblare passaggi dei cani durante l’allenamento – spiegano in tono malinconico - Il Campo dell’Amicizia non è affatto adatto al nostro sport, come abbiamo già evidenziato all’Amministrazione.  Li ringraziamo di cuore per averci fatto sognare oggi, ma speriamo con altrettanta forza che ci diano un sogno domani, con una casa adeguata per il Rugby Legnano e permettendoci di continuare a portare alto il nome della nostra amata città». 

Rugby Legnano,ringrazia: l’Amministrazione Legnanese ed il Baseball Softball Club Legnanese per aver concesso il Campo Peppino Colombo, gli educatori Rugby Legnano Fleride, Ambar, Federico, Gabriel, Diego, Mirco e Rosario per il loro gran lavoro svolto oggi più (e come) di tutti gli altri giorni dell’anno, i genitori della squadra per aver fatto sì che la festa fosse una festa ed essendo impossibile elencarli tutti uno per uno, due nomi è possibile farli, Ketty e Carlo.