Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Elezioni San Vittore, Paolo Salmoiraghi candidato sindaco

«Dopo cinque anni di amministrazione mi è stato chiesto dall'attuale maggioranza e da numerosi cittadini di guidare la lista civica con la quale ci presenteremo per le prossime elezioni di maggio 2019. Dopo aver ricevuto dall’attuale sindaco Marilena Vercesi, che ringrazio per l'opportunità e la fiducia che mi ha concesso, le deleghe come assessore alla Polizia locale, allo sport e all'ecologia, sono onorato di poter guidare la coalizione basata sugli stessi principi con cui è nata la lista civica del 2014, mettendo sempre e comunque l'nteresse pubblico dei miei concittadini sanvittoresi davanti a tutto». Si presenta così Paolo Salmoiraghi, attuale assessore della giunta Vercesi e terzo candidato sindaco a scendere in campo per la corsa alla poltrona da sindaco di San Vittore Olona dopo Daniela Rossi e Roberto Morlacchi.

Paolo Salmoiraghi, sanvittorese, architetto libero professionista, 51 anni, sposato e padre di tre figli di 21, 19 e 16 anni, lavora sul territorio ed è stato membro del consiglio d'Istituto dell'IC Carducci di San Vittore Olona e San Giorgio su Legnano dal 2010 al 2013, oltre che allenatore del Centro Giovanile San Vittore Olona dal 2003 al 2013, con una passione in particolare la corsa.

«Non appartengo a nessun partito politico - spiega l'attuale assessore -, mi rifaccio ai valori dettati dalla centralità della persona, della famiglia, delle regole e della coerenza. Per affrontare questa nuova avventura con rinnovato slancio vedremo di unire l'esperienza derivante da 10 anni di amministrazione di alcuni membri della squadra con l'entusiasmo di nuovi volti appartenenti alla società civile per il bene di San Vittore e dei suoi abitanti».

La lista a sostegno della candidatura di Salmoiraghi scopre già le carte sui primi progetti di un programma che nelle prossime settimane andrà a delinearsi passo dopo passo. «In questi cinque anni abbiamo realizzato diverse cose per la causa comune: abbiamo fatto delle scelte, sulle quali magari si potrebbe discutere, ma sempre e solo nell’ottica del motto "Chi non lavora e non sceglie non sbaglia mai" - sottolinea il candidato -. Dobbiamo comunque pensare al futuro, ed è per questo che fra i nostri progetti inseriremo senza dubbio, solo per fare degli esempi concreti, la riqualificazione di piazza Italia attraverso la collocazione di arredi urbani, la possibilità di utilizzare l'auditorium della scuola secondaria di primo grado per manifestazioni culturali, la realizzazione di un'area dedicata ai nostri amici a quattro zampe, l'attuazione del partenariato pubblico/privato che prevede la riqualificazione dei nostri centri sportivi. Ancora più impegno andrà speso per la semplificazione e per avere un comune a misura di cittadino, in cui le segnalazioni vanno interpretate come un aiuto e non come un problema per la macchina comunale. Sarà nostra intenzione nel periodo inziale 2019/2020 riqualificare oltre 5 km delle vie del nostro comune. Attraverso queste progettualità ci rivolgiamo a tutti i settori della società civile, toccando sport, cultura, scuola e sicurezza nelle sue varie sfaccettature».