Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Elezioni 2019, Daniela Rossi candidata sindaco a San Vittore

Daniela Maria Rossi è la prima candidata a sciogliere le riserve e scendere ufficialmente in campo in vista delle prossime elezioni amministrative a San Vittore Olona: ex assessore alla cultura e all'istruzione della giunta Bravin dal 2004 al 2009, Rossi, classe 1952, correrà per la poltrona da primo cittadino.

Lo farà alla guida di una lista civica, nata da quello che era partito come un progetto civico ed è diventato «la base solida di un programma elettorale con le caratteristiche che a noi tutti stanno a cuore, prime fra tutte il rispetto delle persone e dell’ambiente declinato nelle sue numerose sfaccettature», per «realizzare un progetto di vero rinnovamento, lontano da schemi e schieramenti che rientrano in un appassito "dejà vu"». 

  Tra i punti che stanno particolarmente a cuore alla lista guidata da Daniela Rossi, la necessità «potenziare reti di solidarietà civiche, a supporto delle attività ordinarie dell’amministrazione», «l’aspetto della sicurezza, obiettivo prioritario che va tutelato anche attraverso il contrasto e la prevenzione dell’attività del crimine organizzato, in stretta collaborazione con le Forze dell’Ordine», «le strutture scolastiche, il diritto allo studio, la mensa, che meritano un’attenzione privilegiata facendo tesoro dei suggerimenti espressi dalle autorità scolastiche e dai genitori» e «istruzione, educazione civica, cultura e socializzazione, elementi fondanti dell’autocontrollo del territorio».

«Il gruppo di lavoro è compatto, in sintonia con l’idea di paese che guarda avanti, efficiente, vivace, civile e innovativo - spiega la candidata sindaco -: insieme, abbiamo deciso di sciogliere ogni riserva e di presentarci come lista civica alle prossime consultazioni elettorali. Siamo sinceramente aperti a confrontarci con tutti coloro che sono interessati a lavorare a un progetto civico di sviluppo con questi criteri di base e confidiamo che molte persone partecipino attivamente ad arricchire questo programma».

(Leda Mocchetti)