Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Nerviano, il Comune risponde ai genitori degli alunni di via di Vittorio

«La salute e la sicurezza di tutti gli alunni frequentanti le scuole di Nerviano, come quelle degli operatori che in esse svolgono le loro attività, sono una priorità di questa amministrazione». A ribadirlo è l'assessore ai lavori pubblici Nazzareno Rimondi e tutta l'amministrazione comunale dopo la lettera di una delegazione di genitori degli alunni della nuova scuola di via di Vittorio che denunciava, ancora una volta, le temperature troppo alte all'interno dell'edificio e la necessità di installare sistemi frangisole.

Il Comune torna a ribadire come la situazione sia ben nota: «Come ribadito in consiglio comunale verranno attuate opere al fine di eliminare il disagio evidenziato. Abbiamo altresì contestato alla società costruttrice le crepe riscontrate su alcuni vetri delle finestre delle aule, quali forniture non conformi, ottenendo la loro integrale sostituzione».

Di seguito la comunicazione integrale.


La salute e la sicurezza di tutti gli alunni frequentanti le scuole di Nerviano, come quelle degli operatori che in esse svolgono le loro attività, sono una priorità di questa amministrazione. Sin dall'insediamento abbiamo avviato in tutti i plessi i lavori di messa a norma, per lungo tempo disattesi dalle precedenti amministrazioni.

Abbiamo ben presente la situazione dell'irraggiamento della nuova scuola di via Di Vittorio. Come ribadito in consiglio comunale verranno attuate opere al fine di eliminare il disagio evidenziato. Abbiamo altresì contestato alla società costruttrice le crepe riscontrate su alcuni vetri delle finestre delle aule, quali forniture non conformi, ottenendo la loro integrale sostituzione.

Non si entra nel merito delle dichiarazioni espresse dai 42 genitori, sottoscrittori dell'esposto all'Ats, circa la loro intenzione di non far entrare i lori figli a scuola a settembre. Ognuno è responsabile delle proprie affermazioni e relative conseguenze. Agli imperativi categorici posti a mezzo stampa, rispondiamo che i luoghi deputati alla risoluzione dei problemi risiedono nel dialogo/confronto tra Istituzioni scolastiche e amministrazione comunale.

Nazzareno Rimondi, assessore ai lavori pubblici