Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

«Nacque il tuo nome da ciò che fissavi», alla Marina il PreMeeting di Loano

Alla Marina torna il PreMeeting di Loano organizzato dall'associazione Carà Belta. La kermesse, quest'anno giunta alla sua quarta edizione, anticipa il Meeting dedicato all’“amicizia fra i popoli” che da quarant'anni Comunione e Liberazione organizza nel mese di agosto a Rimini.

Le riflessioni dell'edizione 2019 prenderanno spunto a partire da un riadattamento di un verso di una poesia sulla Veronica di Papa Giovanni Paolo II, «Nacque il tuo nome da ciò che fissavi». Preludio di quanto si potrà ascoltare al Meeting di Rimini dal 18 al 24 agosto, gli incontri, le testimonianze, le mostre e i concerti proposti alla Marina della cittadina ligure saranno incentrati sul «volto dell'uomo».

Forte del successo delle passate edizioni, l'iniziativa arricchirà l’esperienza dell’estate loanese con le voci più significative del panorama culturale, sociale, religioso ed economico nazionale. Per l'occasione, giungeranno persone provenienti da ogni parte d’Italia che a Loano potranno trascorrere le loro vacanze tra sole, spiaggia, relax e anche un po’ di riflessione.

Il PreeMeeting alzerà il sipario mercoledì 3 luglio alle 21 con l'incontro «Nacque il tuo nome da ciò che fissavi». Quindi, presentazione del titolo del Meeting di Rimini 2019 dove interverranno Giorgio Vittadini, docente di Statistica metodologica – Università Milano Bicocca; Giovanni Toti, presidente della Regione Liguria; Emilia Guarnieri, Meeting di Rimini per l’amicizia tra i popoli.

Gli appuntamenti proseguiranno giovedì 4 luglio quando alle 21 Mauro Magatti, docente di Sociologia – Università Cattolica di Milano, e Stefano Sala, imprenditore, dialogheranno in un intervento dal titolo «Generativi di tutto il mondo, unitevi!».

Si continua venerdì 5 luglio con «La nostra morte non ci appartiene. I 19 martiri di Algeria» che vedrà prendere la parola al giornalista e scrittore Gerolamo Fazzini (ore 18.30); e con «Tra Barabba e don Camillo. Storia di un attore convertito sul set» a cura dell'attore Pietro Sarubbi (ore 21).

Sabato 6 luglio sarà la volta di Gianni Mereghetti, insegnante di Storia e Filosofia, e Claudia Munarin, dottoressa in Filologia Moderna e Comunicazione che alle 21 dialogheranno su «Etti Hillesum. La bellezza della vita».

Il PreMeeting di Loano si concluderà domenica 7 luglio con un incontro dal titolo «Francesco e il Sultano, a ottocento anni dall’incontro» che vedrà al tavolo dei relatori monsignor Antonio Suetta, vescovo della Diocesi di Ventimiglia, e Alessandra Vitez, responsabile Mostre del Meeting di Rimini (ore 18.30).