Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Federica Farina: "Oggi capisco perché tanti cittadini si allontanano dalla politica"

Riceviamo e pubblichiamo:

Ho ricevuto questa mattina la notifica del ricorso da parte degli ex consiglieri leghisti nei confronti del decreto di scioglimento del Presidente della Repubblica , del Ministro degli Interni , del Presidente del Consiglio , del Prefetto e della sottoscritta .

Premesso che non penso di meritare tanta gloria da vedere il mio nome a fianco delle più importanti cariche dello Stato, oggi mi coglie lo sconcerto .
Non entro nel merito della legittimità del ricorso , non voglio nemmeno usare la magistratura parlando del “sistema Legnano “.
Le cause e le responsabilità le accerteranno i tribunali penali , amministrativi o civili che siano .
Quello che mi coglie davvero di sorpresa e’ l’amara delusione che oggi mi avvicina a comprendere il perché tanti cittadini si allontanino dalla politica La riflessione sulle vicende che abbiamo vissuto in questi mesi mi spinge ad una semplice analisi .
Quando si perdono i numeri in consiglio a seguito di una profonda crisi politica INTERNA ALLA MAGGIORANZA come e’ accaduto a Legnano con le dimissioni di tredici consiglieri e di un assessore, allora e’ giusto che la parola torni ai cittadini. Semplice e giusto .
Tutto il resto , i viaggi a Roma , gli escamotages , fanno parte di un film di bassa lega .
Gli arresti , la magistratura , le intercettazioni e il “sistema Legnano” arrivano dopo e poco hanno a che vedere con la buona politica .
Ciò che sconcerta e’ la persistenza di questi consiglieri, tre dei quali nemmeno eletti, che vogliono a tutti i costi restare seduti sugli scranni di Palazzo Malinverni .
Lo hanno dimostrato quando la folla in piazza invocava le dimissioni , lo hanno manifestato quando in un’aula vuota si cantava l’inno , lo hanno fatto dopo gli arresti e lo fanno oggi impugnando il decreto del Presidente della Repubblica e la relazione firmata dal loro stesso leader politico .
A prescindere dai credo , dalla parte verso cui si guardi questa vicenda, dalle sentenze presenti o future oggi abbiamo perso tutti .
La politica oggi ha perso il suo ruolo di guida , di dibattito , di dignità e il suo dovere istituzionale .
Ammesso che oggi i consiglieri vincano il loro ricorso contro Mattarella e contro il loro stesso Segretario Matteo Salvini, domani si siederebbero in un ‘aula vuota, priva del Sindaco , della Giunta e delle minoranze .
Sarebbero loro a rappresentare il Comune o la Commissaria Prefettizia, che tra l’altro si e’ costituita in questi giorni ( come si e’ appreso dalla stampa ) parte civile nel procedimento penale contro il Sindaco e i suoi collaboratori ?
E’ questo che merita la città paralizzata da mesi ? E ‘ questo che si augurano politicamente i legnanesi ?
Personalmente mi auguro che la città possa rifiorire da nuove gemme che portino a nuovi fiori , a partire dai semi di legalità che abbiamo cominciato a piantare nei cuori dei cittadini liberi di Legnano.

Federica Farina
Comitato Legalità Legnano