Incendio casa Agrati a Cerro Maggiore: in carcere il fratello

Giuseppe Agrati è in carcere. Il fratello di Maria e Carla, morte nel terribile incendio che divorò la loro casa di Cerro Maggiore nel 2015, è stato arrestato con l'accusa di duplice omicidio aggravato dalla premeditazione e incendio.

L'uomo avrebbe appicato l'incendio che distrusse la casa di via Roma e spezzò la vita di Maria e Carla solo per questioni economiche.

Giuseppe Agrati era indagato da marzo 2019. Le indagini erano state riaperte dopo l'avocatura del fascicolo da parte della Procura Generale di Milano. Un nipote delle due donne, infatti, aveva presentato istanza di opposizione alla richiesta di archiviazione della Procura di Busto Arsizio. A marzo 2019 sulla scena dell'incendio erano stati svolti nuovi sopralluoghi. Presente anche la Scientifica.

Le attività investigative, condotte dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Milano, hanno portato alla ricostruzione completa e precisa della dinamica del fatto e permesso di accertare che le dichiarazioni fornite dal cerrese, anch’egli presente all’interno dell’abitazione e rimasto illeso, risultavano contraddittorie e non corrispondenti a quanto appurato e che il movente poteva essere ricondotto a motivi economici legati all’eredità.

I militari hanno accertato che l’incendio era stato appiccato, con l’uso di acceleranti, in più punti dell’abitazione, prima nel corridoio antistante la camera dove le due donne stavano dormendo, posta al primo piano, e successivamente vicino ai due ingressi al piano terra e che le due donne ebbero tempo di svegliarsi ed aprire le finestre di camera da letto e bagno, alimentando però in tal modo le fiamme che ne provocarono la morte.

Una ricostruzione che è risultata in contrasto con quanto aveva raccontato Agrati il quale affermava  che l’incendio si era propagato dal piano inferiore arrivando poi ad interessare le camere da letto; l’uomo inoltre, nella circostanza, non ha mai provveduto a chiamare i soccorsi né ad informare i soccorritori della presenza delle due sorelle all’interno dell’abitazione.

(Chiara Lazzati)