Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

AMGA, Brumana al Comune: "Perchè tutta questa fretta a transare?"

Giovedì prossimo, 12 dicembre, l'assemblea dei soci di AMGA si riunirà e potrebbe decidere di chiudere l'azione di responsabilità che nel maggio 2015 i Comuni soci avevano avviato nei confronti di 10 vertici di spicco di AMGA accettando la proposta di transazione avanzata dalle assicurazioni.

Nei giorni scorsi, in un articolo pubblicato dal quotidiano La Prealpina, la transazione sembrava cosa fatta per il Comune di Legnano, socio di maggioranza e oggi rappresentato dal commissario prefettizio dr.ssa Cristiana Cirelli e dal vice Giuseppe Mele, anche se la decisione sarà presa il 12 appunto. Poiché l'articolo non è mai stato smentito, l'avv. Franco Brumana, attraverso una lettera diffusa anche alla stampa, ha manifestato un profondo disagio perché, così scrive il candidato di Costituente civica, "l'accoglimento della transazione presenterebbe gravi problemi etici e giuridici, perché esporrebbe ad azioni di responsabilità della Corte dei Conti per danno erariale".

       Non solo, aggiunge Brumana: "l'importo offerto di 2milioni e 355mila euro comprende 899mila euro costituiti non da un versamento ma dalla rinuncia di Paolo Pagani ad un suo asserito credito nei confronti di AMGA per il risarcimento per il suo licenziamento. Credito in realtà inesistente come già accertato dal Tribunale con una sentenza appellata da Pagani".

Da qui l'invito dell'avvocato : "Il commissariamento del Comune dovrebbe comportare una amministrazione ordinaria e non l'adozione di scelte così importanti e di natura politica. Sarebbe doveroso che ogni decisione venisse lasciata alla nuova amministrazione comunale (...) Non è comprensibile la fretta che sembra si voglia imporre per accettare una capitolazione più che una transazione". 

Una smentita dell'articolo pubblicato da La Prealpina o un rapido ravvedimento del Comune commissariato. Questa la speranza finale dell'avvocato che si fa forte anche del parere dell'avv. Antonio Martini, chiamato da AMGA stessa, nel maggio scorso, a formulare un parere sulla proposta transattiva.

(Marco Tajè)