Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Va a Wilma De Angelis il primo premio alla carriera di Pro Loco

Per lei era una serata in cui avrebbe dovuto raccontarsi, ma la Pro Loco di Cerro Maggiore e Cantalupo aveva in serbo altro per Wilma De Angelis. L'associazione guidata da Tiziana Sala ha consegnato il suo primo premio alla carriera alla cantante milanese, che proprio nel 2019 festeggia i 60 anni dal debutto a Sanremo.

Per la De Angelis, oggi 89enne, è stata una grande emozione. Così come l'aver trovato nella sala della biblioteca di Cerro Maggiore questa sera, venerdì 20, persone arrivate apposta per lei. «Ormai sono uscita dai grandi circuiti nazionali - ha ammesso la cantante -. Trovarvi qui e sentire il vostro affetto per me è davvero molto bello».

       In una lunga chiacchierata tra lei, il moderatore Alex Airoldi e il pubblico, Wilma De Angelis ha ripercorso i momenti clou della sua carriera: gli inizi a cantare per i vicini, i primi concorsi di canto in pasticceria, la contrarietà del padre alla carriera nello spettacolo (e quel «dopo oggi non canterai più» prima del suo primo grande concorso, assolutamente disatteso), la lunga gavetta e il grande successo.

«Cantare per me era la cosa più bella del mondo: è qualcosa di fisico, una medicina, perchè per quei minuti in cui canti passa tutto - ha ricordato la celebre cantante -. Per mille e uno motivi oggi non canto più e mi dispiace moltissimo. Cantare all'inizio non era nemmeno tra i miei sogni, era qualcosa che sentivo il bisogno e il dovere di fare».

(Chiara Lazzati)