Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rho vuole essere plastic free: al via la campagna di sensibilizzazione

  • CRONACA / RHO
  • martedì 14 maggio 2019
  • 490 Letture

No a bicchieri, bottiglie, piatti di plastica, capsule di caffè e cannucce. Sì nel selezionare i fornitori evitando gli imballaggi e prediligendo la qualità. Queste sono alcune semplici regole per una casa e un ufficio plastic free suggerite dalla nuova campagna di comunicazione ambientale lanciata dal Comune di Rho e A.Se.R.

Nello specifico la campagna offre dei suggerimenti utili ed efficaci da mettere in pratica nei vari contesti di vita quotidiana, volti alla progressiva sostituzione dei materiali usa e getta in plastica con altri durevoli o a costituiti di materiale a minor impatto ambientale.

A ogni famiglia rhodense verrà distribuito, nel mese di maggio, un volantino che spiega le azioni per ridurre il consumo di plastica nelle pratiche quotidiane in casa e in ufficio. Sono indicati inoltre alcuni suggerimenti utili per una spesa più consapevole, che prediliga cioè prodotti a basso impatto ambientale, come i prodotti sfusi o con imballaggi più ecologici, preferendo i materiali compostabili.

«I cittadini rhodensi hanno dimostrato il loro impegno nella raccolta differenziata dei rifiuti - dice l’assessore a ecologia, ambiente e verde pubblico, Gianluigi Forloni Per la plastica dobbiamo però impegnarci molto di più, non solo nella sua corretta separazione, ma soprattutto nel cambiamento dei nostri comportamenti, in modo da ridurre il consumo di questo materiale che sta creando danni enormi al nostro eco sistema. A.Se.R., che ringrazio, invierà a tutti i cittadini un piacevole pieghevole da consultare per limitare già da subito la plastica nella nostra vita di tutti i giorni. Sono previste numerose iniziative per sensibilizzare i cittadini e i commercianti, che comunicheremo successivamente».