Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Il Craxi di Favino entusiasma le comparse legnanesi

Craxi interpretato da Pierfrancesco Favino entusiasma i legnanesi che hanno partecipato alle prime riprese del film "Hammamet" nel Capannone della Franco Tosi di Legnano. 

Le riprese sono inziate ieri e tra le numerose comparse uscite alle 17 di oggi, mercoledì 20 marzo, dai cancelli di via S.Bernardino c'erano uomini di Palio, come Carlo Barlocco e il cerimoniere Arialdo Ghezzi, che hanno commentato«È stata un'esperienza unica e divertente. Davvero straordinario il trucco: la somiglianza di Favino con Craxi è incredibile».

Con loro il legnanese Roberto Colombo che ha interpretato la parte di un dirigente che stringe la mano a Craxi al termine del suo discorso: «Sono nel gruppo dei dirigenti - afferma Colombo all'uscita della Tosi -  mi trovavo nella posizione di Martelli, quindi vicino a Favino. Al termine del suo discorso gli stringo la mano. Sono stato chiamato sia ieri che oggi, non so se sarò nuovamente chiamato». 

Lo stile di recitazione di Favino ha conquistato anche Antonino Cicchirillo di San Giorgio su Legnano che, da ex socialista ha incontrato il vero Craxi: «Fantastico - ha commentato il sangiorgese -. Nella mia vita ho avuto l'occasione di incontrare dal vivo Craxi e devo dire che Favino, per quanto ho potuto vedere oggi, recita davvero bene. Il merito non è il trucco, ma la gestualità e il parlato. Complimenti». 

Soddisfatto anche il legnanese Delio: «Un'esperienza positiva sotto tutti i punti di vista. È stata una giornata intensa: ancora tutta da capire. Sono contento soprattutto perchè a me diverte recitare e mi piace questo mondo»

Il canegratese Diego Raimondi, invece, è uscito dal capannone della Tosi stanco e felice di aver potuto vedere questa "macchina" cinematografica all'opera: «La somiglianza con l'immagine di Craxi è incredibile - afferma il giovane -. È stato interessante vedere un set con uno staff di professionisti all'opera. L'unico neo è stato il freddo, ma sono contento di aver potuto partecipare. Facevo parte del pubblico e oggi sono stati recitati solo alcuni minuti del discorso che Craxi fece al congresso»

Quelle tra le mura dello stabilimento legnanese non saranno le uniche riprese girate a Legnano e dintorni. Un altro set è previsto nella villa Mocchetti a San Vittore Olona e un terzo in un'area aperta della città. Le registrazioni per il film diretto da Gianni Amelio dovrebbero terminare verso il mese di maggio ad Hammamet in Tunisia. 

(Gea Somazzi)