Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Lainate, alla pista di pump track anche una tappa del mondiale Red Bull

L’idea del giovane lainatese Riccardo Giuliani presentata con il bilancio partecipativo 2017 è diventata realtà a inizio dicembre quando Il progetto di una pista di Pump Track è stato consegnato ufficialmente alla città di Lainate: per aprile è poi rpevisto un evento che darà ancora maggiore evidenza alla struttura.  “Si tratta di una pista unica nel suo genere nel territorio e non solo -ha spiegato l’assessore allo Sport Ivo Merli - ‘testata’ nei giorni scorsi da bikers di livello nazionale che ci hanno dato solo un assaggio di quello che si potrà fare su questo circuito. E il prossimo 6 e 7 aprile ospiterà la tappa del Campionato Mondiale Red Bull”.

Dal 2 dicembre la pista è aperta al pubblico in via Circonvallazione, area Centro Sportivo Nelson Mandela.

LA PISTA. DETTAGLI TECNICI

La pista ha uno sviluppo lineare di 200mt e occupa, all’interno di un’area recintata di 8000mq, una superficie di 2000mq. Il progetto è stato sviluppato da Velosolutions, società Svizzera specializzata nel settore e leader mondiale delle piste per Pump Track asfaltate. Il lay-out è stato scelto dal Comune e realizzato in circa 25, giorni durante l’estate, dalla filiale Italiana della società con sede a Merano. Velosolution affianca all’attività di realizzazione di piste di questo tipo nella stagione estiva, quella di snow park nella stagione invernale. Un’opera in cui la componente lavoro manuale è preponderante, la manutenzione ridotta nel tempo, con la possibilità di essere utilizzata tutto l’anno anche dopo periodi di avverse condizioni atmosferiche quando le altre si deteriorano. I lavori hanno inizialmente previsto lo scavo dell’area oggetto della pista e la movimentazione in loco, attraverso escavatori, del materiale proveniente da una cava locale. E’ seguita la fase di modellazione del terreno, con apporto misto di macchinari e forza muscolare, cui è seguita la battitura di tutto il tracciato, per consolidarlo il più possibile, attraverso l’impiego di particolari attrezzature (rane) manovrate manualmente anche sulle pendenze più significative. Di qui l’asfaltatura e battitura del percorso, a cui hanno partecipato anche alcuni Lainatesi inseriti nel progetto sociale di lavoro che hanno affiancato il personale di Velosolutions nella fase di movimentazione dell’asfalto caldo dai camion alla pista. L’ultima fase ha visto realizzare la segnaletica orizzontale rossa per delimitare alcuni punti della pista.

L’area sarà gestita dall’Associazione Scout ASD presieduta da Sergio Larghi. Sono già stati fissati orari e regole di comportamento in pista. L’ingresso è a pagamento.