Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Fratus torna in mezzo alla "sua" gente

Gianbattista Fratus è tornato per la prima volta in pubblico. E' accaduto venerdì scorso, 17 gennaio, a Marcallo con Casone, attorniato dalla sua gente. Quella che gli è stata sempre vicino nel periodo degli arresti domiciliari per la vicenda giudiziaria "Piazza Pulita" e che, una volta riottenuta la libertà, ha potuto manifestargli di persona vicinanza e solidarietà. 

         L'occasione è stata il Falò di Sant'Antonio abate, rito particolarmente sentito e vissuto intensamente nel Magentino. Fratus, nella visita alla sezione delle Donne del Ticino, così viene pubblicato sui social, si è presentato con la carica di segretario provinciale, accompagnato da Massimo Garavaglia (l'immagine di copertina è stata ripresa dalla pagina Facebook della Lega Marcallo con Casone) .

A Fratus gli arresti domiciliari sono stati revocati poco prima di Natale. Oltre all'interdizione dai pubblici uffici, è stato applicato il divieto di dimora nel Comune di Legnano. All'ex primo cittadino anche il divieto di entrare a Legnano senza una autorizzazione del giudice.

Intanto, domani, lunedì 20 gennaio, al Tribunale di Busto Arsizio, udienza importante nel processo che vede imputati, oltre a Fratus, anche gli ex assessori Maurizio Cozzi e Chiara Lazzarini. Alle 12.30, proseguirà l'interrogatorio di Cozzi. Successivamente, sarà la volta dei testimoni chiamati dalla difesa di Fratus. Tra loro, ex assessori e dipendenti comunali.


Foto da pagina Facebook Lega Marcallo con Casone

(Marco Tajè)