Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Resta a Cadorna il capolinea di Movibus

I pendolari dell'Alto Milanese possono ora tirare un sospiro di sollievo, il capolinea di Movibus resterà a Cadorna e non a Molino Dorino. La decisione è avvenuta oggi, giovedì 21 gennaio, a Palazzo Isimbardi, dove si è tenuta la riunione, convocata dalla consigliera delegata alla Mobilità e Viabilità della Città metropolitana di Milano Arianna Censi, con i sindaci dei Comuni di Cerro Maggiore, Legnano, Nerviano, Parabiago e i rappresentanti dei comitati dei viaggiatori, per discutere della proposta di modifica del capolinea delle linee Movibus Z602 (Legnano-Milano Cadorna via Autostrada) e Z603 (San Vittore Olona-Milano Cadorna via Autostrada)

Durante l'incontro, la Città metropolitana di Milano ha illustrato le ragioni che l'hanno portata a presentare la proposta di spostamento del capolinea. Sentite le motivazioni dei Comuni coinvolti e delle associazioni dei viaggiatori, di comune accordo è stato così deciso di mantenere il capolinea a Cadorna, per evitare ulteriori oneri aggiunti per i viaggiatori. 

«La Città metropolitana di Milano ha condiviso con i Comuni e i soggetti interessati la proposta di spostamento del capolinea - dichiara Arianna Censi, consigliera delegata alla Mobilità e Viabilità della Città metropolitana -. Grazie a un coinvolgimento strategico dal “basso” siamo arrivati alla conclusione di mantenere le linee così come sono. Scelta condizionata dalla necessità di non aumentare l'onere economico per i viaggiatori nell'attesa di un potenziamento del servizio e dell'introduzione del biglietto unico integrato».

Per approfondimenti:

- Movibus: il capolinea a Molino Dorino non piace all'Alto Milanese

- Capolinea Movibus: "A guadagnare sarà solo Atm"

- Capolinea Movibus: la risposta dei sindaci

Quaglia: "Movibus, una vicenda kafkiana"

(Jacopo Bogo)