Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Quaglia: "Movibus, una vicenda kafkiana"

Anche i politici legnanesi in campo al fianco dei pendolari per mantenere il capolinea Movibus a Milano-Cadorna. E' di oggi, infatti, il comunicato con il quale Stefano Quaglia, consigliere comunale del gruppo "Per Legnano" con il quale manifesta apertamente il conflitto d'interesse del Comune di Milano e la speranza che si allarghi ancor più la cerchia di sindaci dell'Alto Milanese a difesa dell'attuale capolinea. Di seguito, le sue considerazioni


La vicenda sul probabile spostamento da Cadorna a Molino Dorino del capolinea di Movibus è a dir poco kafkiana.
Nella seduta della commissione consiliare Mobilità della città di Legnano dello scorso 25 novembre Movibus ha dichiarato di essere a fianco dei pendolari e di voler mantenere il capolinea in piazzale Cadorna. Ma l’azienda deve eseguire gli ordini che arrivano dall’ente che finanzia il servizio, cioè la città metropolitana di Milano.
A sua volta la ex provincia sostiene di non avere le risorse per garantire il servizio nei termini attuali a causa dei tagli da parte di regione Lombardia.
In questa paradossale situazione c’è un ente in palese conflitto di interessi, che è il comune di Milano. Qui entra in gioco la legge che ha istituito in fretta e furia le città metropolitane per sbandierare l’abolizione delle province, dando di vita a degli enti nati morti. Il sindaco di Milano, che pur essendo eletto dai soli milanesi è anche sindaco di tutta la città metropolitana, ben si guarda dal prendere posizione a favore dei pendolari che provengono da fuori le mura meneghine. Ricordiamo al primo cittadino di Milano che non deve pensare solo all’ATM, il diritto alla mobilità va garantito a tutti i residenti della città metropolitana. Di sicuro gli introiti di ATM aumenterebbero obbligando chi arriva dall’Alto Milanese a salire sulla M1 a Molino Dorino, ma è questo il modo per agevolare lavoratori e studenti e disincentivare l’uso del mezzo privato?
Non possiamo che auspicare che il fronte dei sindaci del nostro territorio a difesa dell’attuale capolinea si allarghi e vada a farsi sentire dal sindaco di Milano, in città metropolitana e in regione Lombardia. E, perchè no, anche a Roma, visto che  queste città metropolitane sono state volute da questo Governo.

Stefano Quaglia, consigliere comunale "Per Legnano"