Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Ricette da tutto il mondo con le ‘Dolci tentazioni’

Ventiquattro ricette provenienti da diverse parti del mondo con tanto di legenda così da poter capire in anticipo il grado di difficoltà della preparazione del piatto in cui cimentarsi. Nell’anno di Expo, in cui il tema dell’alimentazione la fa da padrone, gli operatori e i famigliari degli ospiti della “E.Azzalin” di Inveruno gestita dal Gruppo Sodalitas hanno realizzato “Dolci Tentazioni” un ricettario che rappresenta la vera ‘chicca’ all’interno del tradizionale ‘Maggio Senior’, il contenitore d’iniziative culturali e d’aggregazione promosso dalla Casa Famiglia e che anche quest’anno ha ottenuto il consueto successo di partecipazione.

“Attraverso questo libricino – spiega Laura Mastelli, vice coordinatrice della Casa Famiglia di Inveruno e curatrice dell’iniziativa – ciascuno di noi ha svelato una propria ricetta, magari, legata ad un ricordo della propria famiglia. Il cibo è un momento di condivisione, ed è stata davvero una bella esperienza fermarsi un istante a ripensare ad un aneddoto particolare riguardante i nostri affetti più cari”.

Così è nato “Dolci Tentazioni” e il riscontro è stato subito molto positivo. “La nostra idea è piaciuta agli ospiti, ai famigliari e agli amici dei partenti che hanno affollato la nostra struttura durante la XXI esima edizione del ‘Maggio Senior’ – conferma la vice coordinatrice dell’Azzalin – tanto che delle 200 copie stampate, molte sono andate a ruba”. 

Il ricettario di una sessantina di pagine è un tributo alla cucina italiana, ma all’interno delle quali sono svelati anche i segreti di dolci americani, russi, rumeni e polacchi. Insomma, un prodotto editoriale totalmente in linea con la filosofia dell’Esposizione Universale attualmente in corso di svolgimento. “La realizzazione di questo ‘dolce libro’ – aggiunge la dott.ssa Mastelli – benché la proposta sia nata nello scorso aprile, è risultata abbastanza semplice perché grande è stata la partecipazione di tutto il mondo che ruota attorno alla nostra Casa Famiglia”. 

“Iniziative come queste – conclude il Direttore Generale di Sodalitas Michele Franceschina – confermano una volta di più la vocazione e la filosofia che anima tutte le nostre strutture del nostro, ovvero, luoghi aperti e perfettamente calati nel tessuto sociale e territoriale dell’Alto Milanese”.

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI