#Siamotuttineri, i baby calciatori di San Giorgio contro il razzismo

I piccoli atleti sangiorgesi si sono disegnati due righe nere sul volto in risposta agli ultimi vergognosi episodi sui campi di calcio giovanili e non.

Due righe nere sul volto. Un gesto semplice. Tanto semplice quanto dovrebbe essere sempre il no al razzismo. Così i ragazzi dell'asd San Giorgio 1998 delle squadre under 8, 10, 12, 14 sono scesi in campo nel fine settimana.

«Non siamo l'Inter, il Milan né tanto meno la Juve, ma la nostra società e i nostri ragazzi hanno sani valori da portare avanti nello sport: amicizia, educazione, inclusione e divertimento» commentano dalla associazione sportiva.

[pubblicita] L'iniziativa, lanciata sotto l'hashatg #siamotuttineri, vuole essere una risposta al vergognoso episodio avvenuto durante la prima domenica di novembre: alla partita tra i pulcini 2009 dell'Aurora Desio Calcio e la Sovicese un piccolo atleta di soli 10 anni è stato insultato da una mamma sugli spalti per via del colore della sua pelle.

Nella stessa domenica insulti razzisti erano stati riservati anche a Mario Balotelli da parte degli ultras dell'Hellas Verona.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 11 Novembre 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore