Quantcast

Legnano basket: dopo Tajana anche Marino lancia il suo “urlo” contro questo basket senza spettacolo

"Giocare con il 35% di capienza riduce di gran lunga lo spettacolo.  Quindi: ha senso giocare? Non sarebbe meglio fermarsi e ripartire quando ci sarà la possibilità?", un passo del messaggio del giocatore

legnano knights

Il presidente del Legnano Basket, Marco Tajana, protagonista nel dopo Alba, di uno sfogo contro le eccessive restrizioni del protocollo anticovid, causa della fuga degli spettatori dai palazzetti, trova in Tommaso Marino, giocatore più rappresentativo dei Knights, una sponda non da poco, considerata l’importanza di ogni sua manifestazione mediatica sui social.

Oggi, domenica 16 gennaio, infatti, Marino ha diffuso un messaggio di totale adesione al pensiero di Tajana con una serie di considerazioni non solo sportive, ma anche sociali, che proponiamo di seguito in maniera integrale

Mi riallaccio alle parole del mio presidente di ieri sera e mi chiedo:  lo sport ha prima di tutto uno scopo sociale, si fa per noi ma soprattutto per chi ci guarda. Le società si sforzano e lavorano per creare un evento che possa intrattenere le persone, adulti ragazzi e bambini.
Giocare con il 35% di capienza riduce al minimo il rientro economico e riduce di gran lunga lo spettacolo.  Quindi mi chiedo: ha senso giocare? Non sarebbe meglio fermarsi e ripartire quando ci sarà la possibilità?
In più si continuano a giocare partite con squadre falcidiate dalle quarantene, è successo a noi domenica scorsa e ieri  i nostri avversari si sono presentati con pochi giocatori. Vengono fuori partite senza senso e senza storia.
Vedo altri paesi comportarsi diversamente da noi, chi fa giusto, noi o loro?
Io me lo domando, credo sia lecito…
A noi va anche bene giocare, andiamo in campo, ci pagano, fine. Ma la verità è che per giocare 5vs5 con 10 spettatori in tribuna allora potremmo affittare un campo e fare per cazzi nostri. Ma chi ci mette soldi, fatica e tempo per cosa lo sta facendo?

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 16 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore