Quantcast

Sport legnanese vicino al “game over”, ma c’è chi resiste

Calcio e pallacanestro costretti alla resa, mentre tennis, scherma e nuoto hanno più possibilità, grazie all'ultimo Dpcm di proseguire l'attvità

Legnano sport

“Game over”. Con due parole, Marco Tajana, esprime un po’ il sentimento che sta prevalendo negli ambienti sportivi legnanesi: «L’ultimo DPCM – spiega il presidente del Legnano Knights e dirigente federale della FIP – ha praticamente messo fine a qualsiasi speranza di aprire le palestre anche solo per allenamenti individuali. La nostra serie C è ferma e anche l’attività giovanile, che sarebbe dovuta ripartire oggi, lunedì 26, deve segnare il passo».

Situazione non molto diversa per il calcio: «Stiamo facendo di tutto per dare ai nostri ragazzi occasioni di divertirsi, di giocare, di fare movimento – lo sfogo di Alfonso Costantino, da sempre impegnato con il movimento giovanile – e ancora oggi io spero di avere conferme per cui potremo tornare sui campi da calcio. Ogni giorno ricevo messaggi di nostri calciatori che ci chiedono informazioni, che manifestano il desiderio di fare calcio inteso anche solo come puro divertimento. Altri, e qui il problema è grave, stanno già rinchiudendosi in se stessi, nella paura del contagio, nel rifiuto anche di andare a scuola. Aiutiamo questi ragazzi! I nostri protocolli sono sicuri. Noi abbiamo avuto sempre attenzione ai giovani, sappiamo come gestirli e assisterli».

Chiusa la piscina di viale Gorizia, con sospensione di tutta l’attività corsistica, il nuoto libero e le discipline di acquafitness, le società sportive di nuoto riunite nel Team Legnano Nuoto stanno valutando la possibilità di allenamenti individuali: «L’attività agonistica è permessa – spiega al proposito Antonio Primerano, team manager – e faremo di tutto per proseguire l’attività. Il Dpcm spiega infatti che le piscine in cui si svolgono le suddette attività potranno essere utilizzate, solo ed esclusivamente per questa finalità».

Prosegue anche la scherma, come annunciato dal Club Scherma Legnano sui social.  Infatti, non rientra tra gli sport di contatto ed è pertanto esclusa dalla sospensione imposta dal Dpcm del 25 ottobre. Il gruppo di lavoro federale, già riunitosi, aggiornerà nelle prossime ore l’attuale protocollo per l’attività addestrativa alla luce delle nuove norme.

Marco Dedè, pluricampione di tennis, gestisce l’impianto storico della Franco Tosi, dove in questo periodo i tre campi in terra battuta sono stati coperti da palloni pressostatici: «La nostra attività prosegue. Proprio oggi dalla Federazione abbiamo ricevuto conferma che le strutture coperte, come le nostre,  sono comprese tra quelle idonee. Perchè sono sì coperte, ma rispettano le norme previste dalla necessaria areazione. Abbiamo solo fermato, e con grande dispiacere, i corsi per i giovani. Una forma di cautela, di prevenzione. Ma il centro continua a funzionare, garantendo da un lato il lavoro a quanti collaborano con me e la mia famiglia e dall’altro una opportunità di sport, in un ambiente in cui tutti i protocolli anticontagio sono rispettati»

Campi da tennis, per la stessa ragione, aperti anche al B.Fit di via Galvani dove, invece, tutte le altre attività sono state chiuse. Non senza un evidente malessere, considerato che settimana scorsa palestre, sale per i vari corsi e piscina, erano state di nuovo adattate alle disposizioni previste per evitare contagi.

Come pubblicato sempre oggi, si ferma fino a tutto gennaio il calcio dilettantistico, mentre la serie D domani, 27 ottobre, deciderà se proseguire come indicato dall’ultimo Dpcm oppure fermarsi tutto il mese di novembre. Insomma se non è “game over”, ci siamo molto vicini, considerato che la chiusura delle palestre ferma tante altre discipline indoor.

Le FAQ di carattere sportivo al DPCM del 24 ottobre 2020

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 26 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore