Premio Gavioli: premiato il Liceo Galilei

Il Premio cinematografico si rivolge agli studenti, e ha visto ques'anno numerose menzioni...

Come sempre avviene al Rotary, anche il Premio interdistrettuale Roberto Gavioli decollò come sviluppo di un progetto di un Club, il Busto Gallarate Legnano Ticino, esattamente 11 anni fa. Il caso vuole che l’edizione 2015-2016 del Premio sia stata vinta da una scuola sostenuta proprio da questo Club, il che conferma la veridicità del più antico motto rotariano: He profits most who serves best.

Anche quest’anno il Premio distrettuale, ideato nel ricordo di Roberto Gavioli dai PDG Alberto Ganna e Alessandro Clerici, si è sviluppato nel migliore dei modi con un impegno rilevante durato tutto un anno e con una serata finale improntata all’entusiasmo da parte delle scolaresche, della classe insegnante e di tutti noi. La squadra guidata dal grande Flavio Giranzani ha retto, anche quest’anno, a 22 soggetti, 22 sceneggiature, altrettante story bord e altrettanti set, di cui 16 espressione dell’articolato territorio del 2042.

Il vincitore assoluto di questa edizione è risultato quindi essere il corto Compact Disk 4,7 GB realizzato dal Liceo Scientifico Galileo Galilei di Legnano. Un corto perfetto, sintetico, asciutto, fantasioso, con alcune dotte citazioni, e dal quale emerge un grande amore per il cinema. È importante osservare come, anno dopo anno, le prestazioni migliori spesso vengano assicurate dalle scuole che per prime intuirono l’opportunità data da questo progetto rotariano e da quelle che, anno dopo anno, vi partecipano con continuità raggiungendo così l’obiettivo di formare sempre meglio al linguaggio cinematografico i giovani.

In effetti negli anni più di un partecipante al Concorso ha proseguito negli studi orientandosi ad approfondimenti sul linguaggio cinematografico, vedendo nel cinema un’opportunità professionale. Di conseguenza alcuni Istituti si sono attrezzati per assecondare di più e meglio la passione degli studenti per il mezzo cinematografico.

Molte le menzioni e i premi speciali, questi i cortometraggi che sono risultati migliori per le diverse categorie:

– Sezione storie fantastiche: Primo Premio al corto “Tempo di andare” – Liceo Scientifico A. Tosi di Busto Arsizio, sponsorizzato dal Rotary Club Parchi Alto Milanese

– Premio per la miglior colonna sonora: Elsa e Elio Biscari del Liceo scientifico Tosi di Busto Arsizio, sponsorizzato dal Rotary Club Parchi Alto Milanese

– Sezione storie vere: Primo Premio al corto “Komorebi” – Liceo Artistico Einaudi di Magenta

– Sezione storie di parole: Primo Premio al corto “La mancanza” – Liceo Scientifico G. Galilei di Erba

– Menzione speciale Cineforum Marco Pensotti Bruni al corto “Non servono le parole per …” – istituto Marcelline di Milano

– Menzione miglior scenografia e costumi al corto “Double Time Gift” – Scuola Educandato Setti Carraro di Milano

– Premio per il miglior manifesto: Francesca Casiraghi del Liceo Linguistico G. Parini

– Premio per il miglior logo: Raffaele Cogliati dell’Istituto Fiocchi di Lecco

Quest’anno la serata finale, dopo anni presso il mitico Cinema Mexico, si è spostata presso il Multisala Le Giraffe di Paderno Dugnano. Il primato assoluto dello scorso anno (28 corti!) non consentì infatti a tutti i partecipanti l’accesso alla sala; 500 poltroncine rosse attendevano quest’anno le scolaresche e i rotariani amanti del cinema e del Rotary. Fra questi numerosi PDG, DGE e i due Governatori Dondè e Quattrin che, con Alberto Ganna, hanno consegnato i premi ai diversi vincitori in un piacevolissimo clima “da stadio”.

Come sempre eccellente il conduttore della serata: il DGE del Distretto 2041 Andrea Pernice che, nelle pause fra un blocco e l’altro delle proiezioni, ha intervistato professionisti del cinema e autorità rotariane.  L’impegno per il futuro è di far crescere ancora di più il Premio Gavioli, mantenendo però intatta la sua vocazione a servire i giovani e i giovanissimi, assecondando la loro fertile fantasia.

ROTARY PARCHI ALTO MILANESE

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 11 Giugno 2016
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore