Quantcast

SERATA DI ORIENTAMENTO ALLA MARIA AUSILIATRICE

Avviato alla Scuola Media di Castellanza il “progetto orientamento” insieme a Comune e Cospes: “E’ importante essere curiosi delle idee del proprio figlio”, il consiglio ai genitori...

(v.a.) – Alla Scuola Media Maria Ausiliatrice di Castellanza ha preso il via l’ultima tappa del “progetto orientamento”. Tra pochi mesi i ragazzi dovranno fare la scelta della scuola superiore. Prima che incominci la passerella degli open day la scuola si preoccupa di prepararli. E con i ragazzi, i genitori che, in questa fase, non possono essere né assenti, né invadenti, ma a fianco.

Oggi i ragazzi sono sempre più esposti a una molteplicità di stimoli accattivanti e interessanti. L’emozione la fa da padrona, mette nell’angolo la ragione che ha invece la grande funzione di “raffreddare” il sentire per illuminare il proprio sé e la realtà e quindi guidare alle scelte, al “vestito su misura”.  Se è un dato di fatto che sempre più i ragazzi sono indotti a “è vero perché lo sento”, compito della scuola è fornire strumenti per collocarsi in modo corretto nel cammino di maturazione della scelta scolastica-professionale. Non lo fa da sola: i ragazzi di 3^ media della Maria Ausiliatrice seguono il progetto del Comune “Io conosco, io scelgo”, ma, forte di un’esperienza decennale, la scuola si avvale anche della collaborazione col COSPES, Centro Psicodiagnostico e di orientamento scolastico e professionale dei salesiani di Arese.

Scendono così in campo tutte le forze: la scuola, il territorio, i genitori, lo psicologo scolastico. La sera di venerdì 18, genitori, psicologo e preside si sono incontrati nel salone della scuola. Il dottor Curti descrive la realtà delle scuole superiori, ma soprattutto le caratteristiche dei ragazzi davanti alla scelta. Offre chiavi di lettura del loro dire, del loro sentire, del loro agire, del loro immaginario, dei loro desideri e delle loro paure. Quale l’atteggiamento del genitore? Quale l’accompagnamento? Quali le domande da porre? Sapendo che porre la domanda non vuol dire aspettarsi necessariamente la risposta, ma piuttosto vuol dire mettere l’altro nell’atto di farsi lui stesso la domanda. “E’ importante essere curiosi delle idee del proprio figlio” suggerisce il dottor Curti all’assemblea attenta dei genitori, “ascoltare con interesse il farsi delle sue idee. Importante scoprire che cosa di sé conosce e che cosa no, quali sono i suoi progetti e quali le attitudini le abilità che possiede, i suoi hobby, le attività extrascolastiche che predilige, che gli danno soddisfazione, che gli piace fare. Quali le sue modalità di lavoro e di studio, le motivazioni a sostegno della scelta, alcune dimensioni della sua personalità. Importante per i ragazzi, e per i genitori, conoscere quali sono i criteri accessori che lo possono orientare/disorientare nella scelta e quali i criteri fondamentali che lo sosterranno nei momenti di difficoltà, di crisi”.  

Ai genitori che lo desiderano, il COSPES offre un percorso personale che sostenga il ragazzo nel fondare la scelta su criteri che mettono in luce la sua reale natura e le sue risorse. “Non ci si vuole sostituire al ragazzo, alla famiglia, agli insegnanti, ma fornire allo studente, anche attraverso gli strumenti della psicologia, ulteriori informazioni per rendere la scelta più consapevole e più adeguata alle risorse che il ragazzo e i genitori possono non conoscere a sufficienza perché abitualmente poco utilizzate nel percorso scolastico. Il percorso permette al ragazzo di realizzare un “modello di comportamento” su cui modulare anche altre esperienze di vita. Si chiude con il colloquio conclusivo con il ragazzo e i genitori e con la consegna di un profilo scritto: un “rito di passaggio” per dargli consapevolezza del suo crescere”.

19.45: il tempo dell’incontro è volato. I genitori sono soddisfatti, si sentono a loro volta accompagnati in questo momento delicato e importante della vita dei loro figli, hanno sperimentato nel nostro istituto un vero ambiente educativo ed ora che i loro figli stanno concludendo il loro percorso, ripensano agli anni passati ed invitano altri genitori a visitare e conoscere la nostra scuola soprattutto nel giorno del nostro OPEN DAY che sarà sabato 9 novembre dalle ore 9.30 alle ore 12.30 e dalle ore 14.30 alle ore 17.30.

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 21 Ottobre 2013
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore