Quantcast

Dalle mozioni la spinta per un consiglio comunale di Legnano meno litigioso e più collaborativo

L'atteggiamento collaborativo delle opposizioni e la disponibilità della maggioranza sono state le due note positive del consiglio comunale, con l'approvazione di sei mozioni delle nove discusse

consiglio comunale legnano

Sei mozioni promosse dalle opposizioni e approvate dalla maggioranza sono il dato più rappresentativo del consiglio comunale odierno sulla strada di una collaborazione amministrativa davvero importante per il bene della città. L’espressione soddisfatta, nascosta dalla mascherina fino a un certo punto, del presidente Federico Amadei può ben essere l’immagine di questa seconda riunione con così tanti argomenti all’ordine del giorno: ben 22, di cui 19 portati in discussione e in votazione.

Aiuti e investimenti per i legnanesi, le minoranze: “Priorità alle famiglie e situazione fragili”

I gruppi di minoranza da un lato hanno mostrato una vivacità nel proporre che offre spunti fondamentali nella loro presenza attiva in sede di attività municipale, dall’altro una collaborazione che sfocia nella condivisione di proposte utili alla comunità. Atteggiamenti che la maggioranza ha valutato in maniera assolutamente positiva e sostenuti con votazioni che, appunto, in sei casi hanno fatto registrare una approvazione unanime. E quando il voto è stato contrario, rispetto alle proposte avanzate, gli interventi sono stati ricchi di motivazioni.

L’impressione è di un consiglio comunale ben preparato in sede di riunione dei capi gruppo. Ma anche di una disponibilità a capire la posizione altrui e di adeguarsi, se davvero portava una utilità a tutti. Insomma, se l’attesa era fondata su una assise che lasciasse fuori dall’aula ogni pregiudizio oppure discorsi legati unicamente alla propria ideologia politica, siamo sul percorso giusto.

Certo, non sono mancati spunti polemici e qualche attrito, come ad esempio, l’interrogazione sul Centro Pertini e la sua gestione, ma vedere giovani come Francesco Toia, Simone Bosetti, Luca Benetti discutere con tanta passione e preparazione porta a condividere la soddisfazione del presidente Amadei, così come il riscontro dibattimentale fornito da consiglieri più esperti come Gianluigi Grillo, Daniela Laffusa, Letterio Munafò, Sara Borgio, Franco Colombo, Carolina Toia e Franco Brumana completa il quadro di un consiglio comunale ben lontano da quelli litigiosi di nemmeno tanto tempo fa.

Le mozioni (con diversi emendamenti) approvate alla unanimità hanno avuto come oggetto l’emergenza climatica (proposta dalla Lista Toia), la collaborazione con le associazione no profit per fronteggiare il disagio causato dalla pandemia (Lega Salvini Premier), la riduzione della quota variabile Tari, la riduzione dei canoni CIMP e CONSAP per il 2021,  l’erogazione di contributi alle scuole in ambito di didattica a distanza (Fratelli d’Italia).

Una nota conclusiva sul seguito di pubblico registrato dalla seduta. Non abbiamo registrato una visualizzazione pari a quella della precedente occasione quando non si era mai scesi sotto i 150 utenti contemporanei, ma anche questa volta sono stati quasi 600 i clic totali durante la seduta, con almeno 80 persone presenti nello stesso momento durante le 5 ore. Anche questa circostanza potrebbe far piacere al presidente Amadei e non solo.

Per ulteriori approfondimenti sul consiglio comunale, cliccare qui per la gestione in “rosso” delle case popolari

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 28 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore