Quantcast

All’Olga Fiorini le studentesse realizzano un percorso interamente virtuale sull’arte

La mostra sarà online a partire dal 7 maggio sulle pagine Facebook e Instagram dell’Istituto

legnano generica

Le alunne della classe 4^ del Liceo Artistico indirizzo Design di Moda dell’Istituto Superiore Olga Fiorini & Marco Pantani di Busto Arsizio hanno realizzato, in collaborazione con l’associazione Eos di Varese, che si occupa di sostegno contro la violenza sulle donne, una mostra digitale dal titolo “Il coraggio di essere donna”. Si tratta di un percorso sull’arte tutto al femminile, valorizzando il contributo di tre artiste, Miriam Schapiro, Carla Accardi e Lee Krasner, che hanno lasciato un segno importante nel contesto culturale della seconda metà del ‘900e che hanno combattuto in modo coraggioso, con l’arma della creatività, per affermare l’indipendenza e l’uguaglianza della donna, primo passo, per una maggior consapevolezza di se stesse.

Le ragazze, facendosi guidare dalle lezioni teoriche e dall’incontro con le volontarie dell’associazione sulle tematiche ancora molto attuali della discriminazione degli stereotipi femminili, hanno realizzato una vera e propria mostra virtuale in 3d, partendo dalla scelta dei quadri fino alla registrazione di podcast audio descrittivi. Inoltre si sono occupate di tutta la parte di comunicazione del progetto, sviluppando le grafiche e pubblicando e condividendo le fasi della mostra sui social della scuola.

Sono state giornate impegnative, di confronto e di ascolto, in cui le studentesse hanno messo in campo le loro competenze non solo scolastiche: è emersa una grande voglia di esplorare e di condividere questa esperienza con gli altri.

La mostra è strutturata in quattro sale: le prime tre sono dedicate alle opere delle artiste sopracitate. Nell’ultima sala, interamente in bianco e nero, sono esposte alcune delle foto più iconiche della storia della moda, mostrando come l’evoluzione di quest’ultima sia strettamente legata all’emancipazione della donna.

Per ogni artista ,oltre alle biografie, sono esposte quattro opere rappresentative del loro stile e del loro rapporto con l’arte in quanto donne; sotto ad ogni opera si può trovare una descrizione accurata della stessa con la possibilità di ascoltarla tramite podcast sia in italiano che in inglese.

“Le alunne si sono dimostrate, sin dal primo incontro con le volontarie dell’associazione, molto sensibili alle tematiche affrontate” spiega la docente referente e promotrice del progetto, Valentina Lago, “hanno dedicato molto impegno in questo progetto, sentendosi chiamate in prima persona a farsi portavoce di un messaggio importante, ossia che l’espressione artistica e la cultura in generale, possono essere delle buone armi a disposizione per combattere contro discriminazioni e umiliazioni, ottime alleate nel percorso di conoscenza e rispetto verso se stessi e verso gli altri”.

Le ragazze sono molto soddisfatte del lavoro svolto: “Grazie a questo progetto abbiamo avuto la possibilità di conoscere meglio la storia di tre artiste femministe del novecento e di approfondire la moda di quel periodo, attraverso le immagini che sono esposte nell’ultima sala della mostra. Abbiamo inoltre potuto lavorare insieme e confrontare le nostre idee per creare un lavoro completamente nostro, portato a termine grazie ad ognuna di noi”.

La mostra sarà online a partire dal 7 maggio sulle pagine Facebook e Instagram dell’Istituto:

https://www.facebook.com/issolgafioriniemarcopantani/

https://www.instagram.com/acofolgafiorini/

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 09 Maggio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore