Quantcast

Parabiago, vandalizzata la targa di Piazzale Martirti delle Foibe

A finire nel mirino dei vandali è stata la targa commemorativa del piazzale, dalla quale sono state parzialmente cancellate le scritte con della vernice arancione

atto vandalico parabiago

Un altro atto vandalico in piazzale Martirti delle Foibe a Parabiago. Ancora una volta a finire nel mirino dei vandali è stata la targa commemorativa del piazzale, dalla quale sono state parzialmente cancellate le scritte con della vernice arancione.

«Qualcuno ha vandalizzato un’altra – ennesima – volta la targa di Piazzale Martiri delle Foibe – è la denuncia di Giuliano Polito, capogruppo di Fratelli d’Italia nel consiglio comunale della città della calzatura -: un atto criminale e vile, uno spregio al ricordo dei 350.000 esuli giuliano-dalmati e dei 30.000 martiri delle foibe vittime dei partigiani antifascisti jugoslavi del Maresciallo Josip “Tito” Broz, reso ancora più odioso dalla sua triste recidività. Gli autori di questa infamia devono essere individuati e puniti quanto prima».

Già due anni fa, a pochi giorni di distanza dalla celebrazione del Giorno del Ricordo, la targa era stata “vittima” di un analogo gesto di inciviltà: allora per cancellare le scritte che riporta era stata usata della vernice viola. Non solo: nel 2020 anche il muro retrostante del palazzo municipale era stato danneggiato, in questo caso con le scritte “Foibe = Revisionismo storico – Viva i partigiani slavi” e “Meno fasci, più foibe”. Anche in quell’occasione i primi a condannare il gesto erano stati gli esponenti di Fratelli d’Italia, con Giuliano Polito e l’europarlamentare Carlo Fidanza – che nei mesi scorsi si era autosospeso dal partito a seguito di un’inchiesta di Fanpage ed è poi stato reintegrato -, che avevano chiesto al sindaco Raffaele Cucchi di presentare un esposto alla Procura della Repubblica.

Parabiago, piazzale Martiri delle Foibe nel mirino dei vandali

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 15 Gennaio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore