Boom di furti a Busto Garolfo, Biondi: “La situazione sta tornando alla normalità”

La prima cittadina ha partecipato al comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, durante il quale si è parlato anche del boom di furti in paese

Mentre le opposizioni chiedono l'istituzione di una consulta per la sicurezza dopo l'ondata di furti che nei mesi scorsi ha investito Busto Garolfo, il sindaco Susanna Biondi oggi, mercoledì 29 gennaio, ha partecipato su invito del prefetto di Milano Renato Saccone al comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica con il questore di Milano Sergio Bracco, il comandante provinciale dei Carabinieri Luca De Marchis e il comandante del Gruppo Milano della Guardia di Finanza Giuseppe D'Urso.

[pubblicita]Tra i punti all'ordine del giorno proprio i furti che hanno colpito Busto Garolfo e in particolare le attività commerciali del capoluogo e della frazione, per i quali la prima cittadina lo scorso dicembre aveva già interpellato il prefetto. «Come abbiamo già potuto direttamente constatare – spiega Biondi –, nelle ultime settimane gli episodi sono notevolmente diminuiti e la situazione si sta riportando verso la normalità. Questo risultato è stato ottenuto grazie all'attivazione, dai primi giorni di gennaio, di una serie di servizi dedicati che si sono aggiunti alle normali attività svolte dalle Forze dell'Ordine. L'attenzione rimane massima e si proseguirà con le modalità già in atto. Ringrazio sinceramente il prefetto, le autorità presenti, il comandante della Compagnia Carabinieri di Legnano, maggiore Falcucci, il maresciallo Bruni e il maresciallo Bonomo, tutti i carabinieri della stazione di Busto Garolfo e la Polizia Locale. Ancora una volta si dimostra che le Istituzioni sono presenti e attive, agiscono con competenza e impegno. È a loro che dobbiamo affidarci!».

di leda.mocchetti@gmail.com
Pubblicato il 29 Gennaio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore