Tangenti in Lombardia, Fontana indagato per abuso d’ufficio

Al governatore viene contestata la nomina del suo socio di studio Luca Marsico ad un incarico in Regione - Fontana potrebbe essere sentito già oggi stesso dagli inquirenti

Anche il governatore lombardo Attilio Fontana è indagato nella maxi inchiesta della Dda di Milano che ieri ha portato a 28 arresti – di cui 16 in carcere e 12 ai domiciliari – e 15 misure cautelari, come l'obbligo di firma o di dimora e vede in tutto 95 persone indagate.

Per il presidente della Regione Lombardia l'ipotesi di reato è l'abuso d'ufficio: al governatore viene contestata la nomina del suo socio di studio Luca Marsico ad un incarico in Regione. Fontana potrebbe essere sentito già oggi stesso dagli inquirenti.

[pubblicita] Tra i coinvolti nella maxi operazione "Mensa dei Poveri" imprenditori, politici e anche amministratori ai vertici di società pubbliche della provincia di Varese

«Sin dal mio insediamento ho sempre sottolineato come la trasparenza e la legalità siano punti
cardine
dell'attività della mia giunta
», aveva sottolineato ieri il presidente della Regione Lombardia intervenuto in aula consiliare per commentare le notizie diffuse a seguito dell'inchiesta. 
 

di leda.mocchetti@gmail.com
Pubblicato il 08 Maggio 2019
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore