Quantcast

Fondazione Ticino Olona, altri 50mila euro per la comunità

Poiché le richieste superavano il doppio del budget a disposizione, è stato necessario ridimensionare in parte i contributi da erogare.   

Il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Comunitaria del Ticino Olona onlus ha approvato, nella seduta del 29 ottobre, 7 progetti presentati al quinto bando emesso nel 2018. Poiché le richieste superavano il doppio del budget a disposizione, è stato necessario ridimensionare in parte i contributi da erogare. Così, chi aveva uno o più progetti in corso già finanziati si è visto ridurre sensibilmente la somma richiesta.

I progetti approvati coprono le diverse aree in cui è suddiviso il territorio della fondazione. L’elenco completo è on line su www.fondazioneticinoolona.it.

Qui ne citiamo solo alcuni.

La fondazione Giuseppe Restelli onlus, in partenariato con Geode società cooperativa onlus e l’Associazione Micaela onlus, ha presentato un progetto che consiste nello sviluppo di attività agricole sociali e solidali presso la Cascina Poglianasca – Cittadella della solidarietà, ad Arluno – rivolte a persone portatrici di fragilità sociali e disabilità. A tale scopo si vuole costruire un pozzo agricolo che possa pescare acqua di falda svincolandosi dal consumo di acqua pubblica dall’acquedotto. Il pozzo verrà messo gratuitamente a disposizione delle associazioni che operano nella cascina.

Telefono donna onlus, con alcune scuole di Abbiategrasso, vuole coinvolgere gli studenti in una rete contro la violenza e la discriminazione, con la produzione di documentazione da presentare in un evento istituzionale che coinvolga i cittadini.

La Onlus legnanese Santi Domenico e Magno, con Confartigianato Alto Milanese, interverrà a sostegno dei ragazzi di scuola media in situazioni di disagio tramite laboratori pratici di cucina, falegnameria, riparazione biciclette, promuovendo inoltre attività sportive e culturali.

E così 50 mila euro sono stati messi a disposizione della comunità e serviranno a supportare lo sforzo di associazioni ed enti a favore delle fasce fragili e disagiate.

«A volte – commenta il Consiglio di Amministrazione – ci chiediamo cosa sarebbe questo territorio senza la presenza attiva di una fondazione di comunità. È bene sapere che anche la fondazione ha bisogno di sostegno e di collaborazione da parte di tutti, e ricordiamo che è tuttora in corso un altro “bando”: quello che ricerca “volontari di comunità”, che vogliano dedicare parte del proprio tempo alla sua crescita. Come? Diventando reporter (per raccogliere storie e testimonianze dai beneficiari di finanziamenti), cantastorie (per dare una mano in tutte le forme di comunicazione) o ambasciatore (per mantenere vivi ruolo e presenza della fondazione sul territorio)».

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 03 Novembre 2018
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore