Quantcast

Puzze in Valle Olona, il Centrodestra di Castellanza: “No ad ulteriori deroghe per Perstorp”

Il gruppo di opposizione è intervenuto sulla possibilità di una finestra di tre mesi per adeguare gli scarichi di aldeidi (che provocano la puzza) alla sentenza del Consiglio di Stato

Centrodestra a Castellanza unito per sostenere il candidato sindaco Angelo Soragni

Il primo no ad un periodo di adeguamento di almeno tre mesi da parte di Perstorp degli scarichi di aldeidi nelle fognature arriva dall’opposizione in consiglio comunale a Castellanza. A dirlo è il capogruppo del Centrodestra unito per Castellanza, Angelo Soragni.

«Perstorp chiede una deroga dei tempi stabiliti dalla sentenza per far rientrare le emissioni nei valori di legge, il Centrodestra Unito per Castellanza si esprime in maniera contraria. La sentenza dello scorso marzo metterebbe fine alla vicenda delle puzze a Castellanza e paesi limitrofi, il condizionale è d’obbligo perché Perstorp è decisa a chiedere una deroga dei tempi per adeguarsi alla sentenza e riportare lo sversamento di aldeidi a livelli di legge.

Sorgani ricorda «che la società svedese, con sede a Castellanza, in virtù di una deroga provinciale, ha a lungo scaricato aldeidi per valori di gran lunga superiori a quelli consentiti, generando molestie olfattive che da anni affliggono la comunità castellanzese, ed anche le popolazioni di Marnate ed Olgiate Olona. Il limite stabilito dalla legge è una concentrazione di aldeidi pari a 2 milligrammi per litro. Perstorp, fino a qualche mese fa ne scaricava 70 milligrammi per litro».

Ora – stando alle dichiarazioni dei Sindaci e dell’Assessore regionale riportate sulla stampa al termine del Tavolo tenutosi nei giorni scorsi – «si vorrebbero concedere due ulteriori trimestri per ottenere prima, entro settembre, la diminuzione a 5 mg. e poi, dopo ulteriori 3 mesi, raggiungere il limite di Legge di 2 mg./litro. E questo cosa sarebbe se non una ulteriore deroga di fatto? Non è più tempo di giocare con le parole».

Il gruppo Centrodestra Unito per Castellanza in questi mesi si è molto speso per tenere vivo il dibattito pubblico attorno al tema, «stringendo collegamenti con le minoranze di Marnate e Olgiate e sollecitando un’assemblea pubblica affinché tutti i soggetti coinvolti spiegassero al territorio lo stato reale delle cose. Avevamo chiesto anche un consiglio comunale congiunto tra i tre paesi, ma ci è stato negato dai tre Sindaci» – proseguono i consiglieri di opposizione.

Secondo il gruppo, infatti, «la sentenza del Consiglio di Stato è un punto fondamentale per cercare di riportare un equilibrio nel territorio. Lunedì 30 si riunirà la conferenza dei servizi che valuterà la richiesta di Perstorp di poter sversare per i prossimi sei mesi quantità di aldeidi nettamente superiori alla norma. Ancora. Il Centrodestra Unito per Castellanza ritiene che le tempistiche decise dal Consiglio di Stato debbano essere rispettate. Non ravvisiamo alcuna ragione affinché la salute dei cittadini debba essere subordinata all’attività di Perstorp che ha avuto anni per mettersi a norma».

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 30 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore