Quantcast

Una scelta green per Oro in Euro nella Giornata del Riuso Prezioso

Una scelta green. Oro in Euro ha aperto le porte del laboratorio orafo di Gallarate per spiegare attraverso il racconto di un Mastro Orafo, come avviene la rigenerazione dei gioielli

Oro in euro - laurenza

La sostenibilità è entrata a buon diritto anche nel settore gioielleria: una svolta green risponde ad una sensibilità per fortuna sempre più diffusa tra le persone e le imprese”. Le parole sono quelle di Nicola Laurenza, fondatore di  Oro in Euro, brand specializzato nella compravendita di oro e preziosi, partito dalla provincia di Varese nel 2001.

Oro in Euro ha da tempo sposato con convinzione la causa della sostenibilità e ha deciso di raccontare come questa scelta si concretizzi nel suo settore organizzando un’iniziativa per raccontare la rigenerazione dei gioielli ai non addetti ai lavori.

Il 19 ottobre è stato quindi la “Giornata del Riuso Prezioso”, una giornata dedicata alla scoperta del riciclo nel settore orafo. In quell’occasione nel laboratorio di via Ronchetti, 5/b a Gallarate (VA), il Mastro Orafo ha effettuato le varie fasi di lavorazione, spiegandone i passaggi. Per l’occasione, ospiti 4 “influencer” legate ai temi della green economy, che hanno potuto approfondire la filosofia di Oro in Euro e raccontarla ai social con gli hashtag #OroInEuro #RiusoPrezioso. Obiettivo veicolare il messaggio di quanto il riciclo sia importante, in tutte le sue sfaccettature, al maggior numero di persone possibile, anche attraverso i social. Un impegno concreto, quello dell’azienda per indirizzare i consumatori verso un acquisto più consapevole, in grado di tutelare la filiera di produzione e alimentare l’economia circolare.

Oro in euro - laurenza

“Abbiamo pensato ad una iniziativa che fosse anche di comunicazione perché crediamo che sia la comunicazione innanzitutto a promuovere le buone pratiche. Forse non tutti sanno che oggi si può essere green anche acquistando un determinato tipo di gioiello. Eppure è così.” spiega Laurenza. “È lecito domandarsi come. Una delle opportunità più interessanti in questo settore è quella dei gioielli rigenerati. Così come accade per i prodotti hi-tech, infatti, è possibile recuperare vecchi gioielli, dando loro nuova vita, bellezza e valore, tanto da poter essere rimessi sul mercato, ad un prezzo vantaggioso. In questo caso, poter partire da materiale già lavorato consente anche di risparmiare alcuni dei passaggi tipici della produzione, evitando il dispendio energetico e i processi produttivi, con il risultato di un impatto pari a zero. Da un punto di vista estetico un gioiello rigenerato non ha nulla da invidiare ad uno creato dal niente: un eccellente Mastro Orafo è, infatti, in grado di creare un pezzo straordinario, unico e originale”.

Oro in Euro, compro oro e moderna gioielleria, ha deciso da tempo di orientarsi verso una crescita sempre più etica, il cui perno verte sulla sostenibilità. Azienda, da sempre, fortemente legata al territorio, ha voluto impegnarsi nel diffondere il concetto di riciclo in senso più ampio, sensibilizzando, al contempo, i propri clienti. “Optare per un gioiello rigenerato – sottolinea Laurenza – è come fare un doppio regalo, a se stessi – o a chi è destinato il bel pensiero – e all’ambiente. Si può, così, ottenere un pezzo unico, bello e dall’impronta ambientale più leggera”.

Oro in euro - laurenza

Ma come avviene il processo di di rigenerazione? Durante il processo di economia circolare, i gioielli vengono ripuliti e riparati dagli esperti orafi di Oro in Euro, attraverso lavorazioni sicure, e sostenibili. Per rigenerare un gioiello è necessario seguire un procedimento piuttosto complesso. Ecco perché, per garantire il basso impatto, su 100 gioielli selezionati, Oro in Euro ne seleziona solo una parte con lo scopo di essere salvati e rigenerati. Questo è dovuto al fatto che, per essere adatto al processo di rigenerazione, un gioiello deve avere delle caratteristiche precise. Per prima cosa, deve essere in ottimo stato, altrimenti potrebbe essere soggetto, nel tempo, a maggiori rotture. Non deve avere difetti strutturali né segni di danneggiamento ma è necessario che abbia i marchi di produzione ben leggibili. Accorgimenti fondamentali per seguire un processo di rigenerazione sostenibile al 100% e per garantire ai clienti, gioielli di eccellente fattura, che vengono rimessi sul mercato, corredati di tutte le dovute certificazioni di qualità.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 19 Ottobre 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore