Quantcast

Quarto binario Rho-Parabiago, il sindaco di Pregnana incontra gli espropriati

Il progetto, aggiornato e approvato dal CIPE nel 2010, prevede uno sviluppo della lunghezza di circa 25 km e comprende la realizzazione di 4 binari tra Rho e Parabiago e 3 binari tra Parabiago e Gallarate

Generico 2018

Mercoledì 16 dicembre il Comune di Pregnana ha ricevuto una comunicazione inviata da Rete Ferroviaria Italiana con la quale è stato trasmesso il Progetto Definitivo del quadruplicamento della linea ferroviaria Rho – Parabiago, primo tratto del più ampio progetto di potenziamento della linea Milano – Arona.

L’amministrazione comunale  sarà chiamata a partecipare a una conferenza di servizi per il proprio parere sul progetto, che verrà finanziato dagli Enti preposti (nel 2021, secondo le previsioni di RFI). Il Comune di Pregnana otterrà il rimborso della spesa sostenuta per la realizzazione della nuova strada di collegamento tra viale Lombardia e la SP172 (3,7 milioni di euro), come previsto dalla convenzione firmata con RFI a ottobre 2018.

L’amministrazione comunale, da sempre favorevole al progetto, «esprime soddisfazione per il riavvio dell’iter di questo progetto, auspicando che questa volta esso possa essere finalmente realizzato». «Sarà nostra cura – assicura  però il sindaco Angelo Bosani –  al tavolo della conferenza di servizi, far valere gli interessi della comunità locale, aggiornando le richieste relative alle opere di compensazione previste (opere di mitigazione ambientale, piste ciclabili per Rho e lungo il Villoresi, un nuovo sottopasso ciclopedonale in via Roma, etc.) e concordando le scadenze per il rimborso dell’opera già realizzata. Sarà inoltre nostra cura allo stesso tavolo, far valere gli interessi delle famiglie espropriate o indennizzate, garantendo loro la massima tutela e il massimo risarcimento per il grave disagio subito nell’interesse della collettività».

Il primo cittadino ha già contattato e incontrato in settimana diversi nuclei familiari interessati da questa situazione: «Ho garantito la disponibilità di tutta la documentazione di progetto in possesso del Comune e soprattutto – spiega Bosani –  mi sono offerto di incontrarli tutti in videoconferenza o (se possibile) in presenza per ascoltare le loro richieste e trovare una sintesi da riportare e promuovere presso RFI e Regione Lombardia. Invito pertanto queste famiglie a contattarmi e a proporre delle date per questo incontro».

Il problema non riguarda solo Pregnana Milanese ma tutte i Comuni che interessati dal potenziamento della linea ferroviaria.

Il progetto, aggiornato e approvato dal CIPE nel 2010, prevede uno sviluppo della lunghezza di circa 25 km e comprende la realizzazione di 4 binari tra Rho e Parabiago e 3 binari tra Parabiago e Gallarate. Il progetto prevede, appunto, la realizzazione del raccordo Y per la connessione a Castellanza con la linea FNM per Malpensa, la nuova fermata di Nerviano, la sistemazione delle stazioni e fermate di Rho, Vanzago e Parabiago, il potenziamento dei parcheggi di interscambio e numerose opere di mitigazione ambientale.

Gli interventi sono localizzati nel territorio dei comuni di Rho, Pregnana Milanese, Vanzago, Pogliano Milanese, Nerviano, Parabiago, Canegrate e Legnano, nella Città Metropolitana di Milano e dei Comuni di Castellanza e Busto Arsizio in Provincia di Varese. Per 60 giorni consecutivi, a partire dalla data del 14 dicembre, è depositato per consultazione il progetto costituito da Relazione illustrativa, piano particellare, elenco delle ditte proprietarie come da intestazioni catastali e sempre entro due mesi i proprietari degli immobili coinvolti dagli interventi ed ogni altro interessato avente diritto, possono presentare le proprie osservazioni in forma scritta a mezzo raccomandata.

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 20 Dicembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore