Quantcast

3 milioni e mezzo per cinema e teatri, Regione Lombardia prepara il bando

Sono previste due linee di azione: una prima per le sale già attive e una seconda destinata all'apertura di nuove sale, al ripristino di quelle inattive, alla creazione di nuove sale nell'ambito di sale e multisale esistenti

Luci accese in teatro

Prosegue il sostegno concreto di Regione Lombardia nei confronti delle sale destinate alle attività di spettacolo, grazie all’approvazione dei criteri e dei requisiti per la predisposizione di un bando che stanzia, nel triennio 2021-2023, ulteriori 3,4 milioni di euro per l’adeguamento strutturale e tecnologico delle sale. La delibera è stata approvata dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore all’Autonomia e Cultura, Stefano Bruno Galli.

ASSESSORE GALLI: IMPEGNO TANGIBILE PER RILANCIARE IL SETTORE – “È la testimonianza tangibile – spiega l’assessore Galli – dello sforzo che compie Regione Lombardia per supportare un settore che ha subito gravi ripercussioni dovute alle chiusure imposte dalla pandemia. Le sale da spettacolo sono diffuse in maniera capillare sul territorio e rappresentano, soprattutto per le piccole comunità, presidi culturali e sociali indispensabili, oltre a essere un fattore di crescita economica e occupazionale. I fondi messi a disposizione sono l’occasione non solo per adeguare e ammodernare le strutture esistenti, ma intendono essere un volano per la ripartenza di tutto il settore”.

PER UNA VALORIZZAZIONE STRUTTURALE E TECNOLOGICA – I fondi stanziati da Regione Lombardia, per un ammontare di 3,4 milioni di euro, consentiranno di finanziare la valorizzazione strutturale e tecnologica delle sale destinate alle attività di spettacolo come teatri, cinema, cineteatri, auditorium musicali e sale polivalenti con prevalente attività di spettacolo. Sono previste due linee di azione: una prima per le sale già attive; una seconda destinata all’apertura di nuove sale, al ripristino di quelle inattive, alla creazione di nuove sale nell’ambito di sale e multisale esistenti. Per entrambe le Linee il finanziamento regionale, a fondo perduto, non potrà essere superiore al 50 per cento.

ASSESSORE GALLI: CULTURA LEVA PER FAR RIPARTIRE LA LOMBARDIA – “Sono convinto che la cultura – sottolinea l’assessore – sia la via privilegiata per ricomporre la socialità disgregata dalla lunga stagione pandemica. In particolare, le sale da spettacolo, sia esso dal vivo o proiettato, sono luoghi di socialità indispensabili per la crescita culturale delle nostre comunità territoriali e della Lombardia intera”. “Questo bando – conclude l’assessore Galli – consentirà a molte realtà di realizzare interventi per avere strutture più moderne e più sicure, anche sotto il profilo del contenimento pandemico. E rappresenta senz’altro un contributo per far tornare il pubblico nelle sale lombarde”.

TIPOLOGIE DI INTERVENTI FINANZIABILI – I destinatari delle risorse sono sia enti e istituzioni ecclesiastiche sia soggetti privati non ecclesiastici. L’assegnazione di contributi riguarda specifiche tipologie di spesa tra cui: aggiornamento delle nuove tecnologie di proiezione cinematografica digitale; incremento della fruizione dello spettacolo da parte di persone con disabilità, sia sensoriali sia motorie; adeguamento in materia di sicurezza e di normativa sanitaria per il contenimento dell’emergenza epidemiologica da Covid-19; spese per attrezzature, arredi, dotazioni tecnologiche, impiantistica (comprensiva di interventi per l’efficientamento energetico), apparecchiature e allestimenti.

di redazione@varesenews.it
Pubblicato il 16 Giugno 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore