Quantcast

Palio di Legnano: alla scoperta dei tesori de “La Flora” tra parchi e chiesette

Oggi siamo andati alla scoperta dei Tesori del Palio nel territorio della contrada La Flora, con tappe alla chiesetta di Santa Teresa d'Avila, al Parco Alto Milanese e alla chiesa dei SS. Martiri

Chiesetta Mazzafame

Dopo i monumenti simbolo di Legnano, il nostro tour alla scoperta dei Tesori del Palio fa tappa oggi, 17 maggio, nel territorio de La Flora, contrada vincitrice del Palio 2021. Dal Cascinone, “casa” dei contradaioli rossoblu (Qui il tour nel maniero effettuato nel 2021), siamo entrati nella chiesetta di Santa Teresa D’Avila, meglio conosciuta come un piccolo gioiello adiacente alla sede dei rossublu. Da qui ci siamo spostati a piedi al Parco Alto Milanese, per scoprire i sentieri del polmone verde attrezzato e in giornata siamo andati alla scoperta della chiesa dei Santi Martiri. Prossima tappa a Legnarello

Galleria fotografica

I tesori del Palio di Legnano - Contrada La Flora 4 di 35

CHIESETTA SANTA TERESA D’AVILA A MAZZAFAME

I tesori del Palio di Legnano - Contrada La Flora

Costruito nel ‘700 – alcune fonti sostengono fosse presente già all’epoca della Battaglia di Legnano del 1176 -, l’oratorio dedicato a Santa Teresa d’Avila, mistica spagnola del ‘500 e prima donna ad essere insignita del titolo di “Dottore della Chiesa”, ospita al suo interno affreschi di Antonio Turri risalenti alla prima metà dell’800, un crocifisso ligneo del ‘700 e uno che veniva portato in processione durante le rogazioni, ossia per favorire il raccolto.

Lo abbiamo visitato grazie al gruppo di preghiera “Regina della Pace” che ci ha aperto le porte del luogo di culto, accompagnati da Sonia Messi, guida del Palio di Legnano. L’oratorio anni fa era stato oggetto di un progetto realizzato per il laboratorio di restauro della facoltà di Architettura del Politecnico dagli allora studenti e oggi architetti Marco Olgiati di Legnano, Mirco Monti e Paolo Citelli.

IL PARCO ALTO MILANESE

Nel territorio de La Flora rientra anche il Parco Alto Milanese, un’oasi verde dove correre o passeggiare a ritmo lento, a piedi o in bicicletta tra paesaggi autoctoni e spazi attrezzati. Nato nel 1987, il Plis unisce le province di Milano e Varese, con due anime: agricola e ricettiva. Il polmone verde ha una superficie di 380 ettari ed è circondato dai Comuni di Legnano, Castellanza e Busto Arsizio.

Nel quartiere di Mazzafame a Legnano è presente un accesso all’area verde in via Pace, raggiungibile in pochi minuti dal maniero de La Flora. Dal varco d’ingresso al parco si possono percorrere i sentieri sterrati (l’antica strada che collega Legnano a Busto Arsizio fa parte della via Francisca del Lucomagno) o fare una sosta nell’area attrezzata della Baitina dove è presente un’area giochi per bambini e un bar che offre anche eventi e concerti. Da qui è possibile esplorare tutto il parco e le sue bellezze presentate in video dal presidente del Pam, Davide Turri, insieme a Flavio Castiglioni e Matteo Mascheroni, consiglieri del parco e Paola Gandini di Legambiente.

Pulizia Parco Alto Milanese con gli studenti dell'Istituto Dell'Acqua di Legnano

CHIESA DEI SS. MARTIRI

I tesori del Palio di Legnano - Contrada La Flora

Insieme a Lorenzo Turri, presidente della Cooperativa Santi Martiri, abbiamo visitato la Chiesa dei SS. Martiri, chiesa di contrada dei rossoblu. I lavori per la costruzione del luogo di culto, iniziati nel 1904, sono stati ultimati nel 1910 e l’anno successivo la chiesa è stata consacrata.

Al suo interno ci siamo soffermati sulla vetrata del Cristo risorto realizzata da Carlo Rapp e sulla cappella dedicata ai Santi Martiri Anauniani, Sisinio, Martirio e Alessandro, che si dice siano apparsi durante la Battaglia di Legnano.

di info@legnanonews.com
Pubblicato il 17 Maggio 2022
Leggi i commenti

Galleria fotografica

I tesori del Palio di Legnano - Contrada La Flora 4 di 35

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore