Quantcast

“Spegniamo l’inceneritore”, Brumana e il “bavaglio” al sindaco Radice: «Non ha mai chiesto di parlare»

Spiega il promotore dell'evento contro il progetto della NewCo: "Se Radice avesse chiesto di parlare, gli avrei proposto un confronto pubblico in un’altra sede. Ma a me non ha chiesto nulla"

Legnano radice

Un episodio privo di qualsiasi rilevanza che non deve distogliere l’attenzione dall’ opposizione al salvataggio dell’ inceneritore”. Franco Brumana (Movimento dei cittadini), principale animatore della manifestazione che sabato sera ha portato a Legnano un centinaio di oppositori dell’impianto di Borsano, bolla così la polemica lanciata dal sindaco di Castano, Giuseppe Pignatiello, per aver negato al sindaco di Legnano, Lorenzo Radice,  la parola durante il presidio.

Galleria fotografica

Manifestazione No Accam a Legnano 4 di 12

“Radice – scrive Brumana in una nota – non mi ha chiesto di prendere la parola. Se lo avesse fatto gli avrei chiesto se fosse sicuro di una simile richiesta e poi l’avrei sconsigliato perché ne sarebbe nato un confronto per lui sconveniente in quanto sarebbe stato seguito dagli 8 interventi che erano stati previsti . Gli avrei proposto un confronto pubblico in un’altra sede. Se non avesse accettato il mio consiglio gli avrei dato subito la parola. Il sindaco però non mi chiesto nulla!”.

“Se Pignatiello , sindaco di Castano, non avesse fatto queste dichiarazioni dovrebbe smentire Legnano news – prosegue Brumana, ignorando forse che quelle dichiarazioni erano contenute in un post sulla pagina facebook del sindaco castanese – . Dovrebbe comunque chiedere scusa per aver lasciato la manifestazione senza neanche dirmi una parola pochi secondi prima che lo chiamassi per il suo intervento che era già programmato. Comunque sia si tratterebbe di un episodio privo di qualsiasi rilevanza che non deve distogliere l’attenzione dall’ opposizione al salvataggio dell’ inceneritore”.

Stamane, domenica 20 giugno, al gazebo allestito dal PD sempre in piazza San Magno, il sindaco Radice non sembrava turbato dalla polemica, limitandosi a confermare una affermazione che abbiamo colto ieri nella sua presenza tra il pubblico: “Per affrontare cambiamenti importanti servono percorsi come quello che stiamo facendo. La transizione ecologica non si fa a parole, ma con i fatti. E il primo fatto è metterci la faccia, ascoltare e capire le ragioni di chi la pensa diversamente. Ragione per la quale ho voluto essere presente alla manifestazione”.

Brumana, in conclusione, se la prende anche con quella stampa che avrebbe disertato l’evento di sabato oppure fatto censura: “In considerazione dei profitti enormi in gioco e dei conseguenti appetiti sapevamo che i mezzi di comunicazione sarebbero stati condizionati, ma non eravamo e non siamo intimoriti . Continueremo con tenacia sino alla vittoria , che riteniamo possibile, e confidiamo che i giornalisti seri riescano a trovare qualche spazio per fare informazione seria , così come ogni tanto accade”.

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 20 Giugno 2021
Leggi i commenti

Galleria fotografica

Manifestazione No Accam a Legnano 4 di 12

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore