Quantcast

Legnano, bandiere a mezz’asta per l’attentato in Congo: «Gesto doveroso»

Il Comune precisa di «non essersi attivato ad  esporre a mezz’asta a seguito del comunicato di Fratelli d'Italia e che il gesto non perde di senso se avviene alle 14.30

Generica 2020

«Non servono sollecitazioni di alcun tipo per un gesto che l’amministrazione ritiene doveroso e che non perde di senso se avviene alle 14.30, come, del resto, successo in altri Comuni». Il Comune di Legnano precisa di «non essersi attivato ad esporre a mezz’asta le bandiere a Palazzo Malinverni e nella sede degli uffici di via Gilardelli a seguito del comunicato di Fratelli d’Italia». Il gruppo consiliare aveva fatto notare il in tarda mattinata la mancata adesione all’invito di Anci per onorare l’ambasciatore Attanasio e le altre vittime dell’attacco in Congo, parlando di “vergogna” e di “figuracce”.

«In mancanza di qualsiasi tipo di comunicazione dalla Prefetura agli uffici – chiarisce pertanto il Comune –  si è atteso semplicemente che il sindaco, impegnato per tutta la mattinata in riunioni per affrontare questioni di interesse per la Città che amministra, inframezzate da un appuntamento all’esterno, fosse informato per poter procedere». Poco dopo le 14 le bandiere sono state esposte a mezz’asta.

Il presidente Decaro di Anci, ieri, lunedì 22 febbraio, aveva invitato tutti i Comuni italiani a mettere la bandiera italiana a mezz’asta in segno di lutto, «per onorare l’ambasciatore Attanasio e le altre vittime dell’attacco in Congo. La brutale esecuzione dell’ambasciatore italiano nella Repubblica democratica del Congo, Luca Attanasio, di Vittorio Iacovacci, il carabiniere della sua scorta, e di Mustapha Milambo, l’autista che li accompagnava, ha lasciato sgomenti tutti gli italiani».

Legnano, bandiere del Comune a lutto in… ritardo

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 23 Febbraio 2021
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore