Quantcast

“Aiutiamoci a Legnano”, un questionario raccoglie i bisogni e la disponibilità per l’emergenza virus

Il Comune ha diffuso un questinario tra i legnanesi per raccogliere i bisogni ma anche la disponibilità a dare una mano, concreta, in questo difficile momento di emergenza sanitaria ed economica

aiuti

“Aiutiamoci a Legnano”. E’ questo l’obiettivo del questionario che l’amministrazione comunale ha iniziato a diffondere tra i legnanesi per raccogliere i bisogni ma anche la disponibilità a dare una mano in questo difficile momento di emergenza sanitaria ed economica che, si legge nella presentazione del questionario «ha fatto emergere allo stesso tempo grandi difficoltà e incredibili risorse presenti nella nostra comunità»

La volontà del Comune è quella di «ascoltare la cittadinanza e la società civile per raccogliere bisogni ma anche risorse da poter valorizzare al servizio del bene comune». «Il progetto – spiega l’amministrazione – si basa anche sulla convinzione che molte soluzioni ai problemi che stiamo vivendo siano già intorno a noi e che serva fortemente un loro coordinamento».

«La diffusione del Coronavirus – commenta la vicesindaco, Anna Pavan – sta ampliando il ventaglio dei bisogni sentiti dalla popolazione. Vogliamo conoscerli meglio. Ma vogliamo anche capire che cosa i cittadini di Legnano possono mettere a disposizione della comunità, in aggiunta al prezioso lavoro già svolto da tante associazioni. Il questionario, messo a punto dai consiglieri Luca Benetti e Giacomo Pigni, è un primo passo in questa direzione. Bastano pochi click per mettere il Comune nella condizione di migliorare la sua risposta alla pandemia e per coinvolgere i cittadini in azioni utili alla collettività».

Al cittadino o all’organizzazione viene chiesto di inserire mail, nome e cognome, e di rispondere al alcune semplici domande: “Di cosa hai bisogno? (assistenza, informazioni, ascolto…)” ma anche “Che bisogni vedi intorno a te?” e “Come puoi aiutare?”. In quest’ultimo caso viene chiesto se si possono mettere a disposizione ore di volontariato, competenze, spazi e risorse economiche.

Il servizio sarà diffuso con ogni mezzo possibile: sul sito del comune, social, su whatsup, tramite le associazioni che dopo averlo compilato lo potranno diffondere anche a iscritti e simpatizzanti. «La speranza – spiega il consigliere comunale Luca Benetti che si sta occupando dell’iniziativa – è quella di raggiungere il maggior numero possibile di cittadini. La cosa davvero importante è che questa ulteriore possibilità di esprimere i bisogni, che si vedono o che si vivono, e di mettersi a disposizione, venga conosciuta da un alto numero di persone. Quelli che risponderanno, sicuramente in numero minore rispetto a quelli che ne verranno a conoscenza, saranno poi quelli che hanno davvero una forte necessità o una grande voglia di mettersi a disposizione».

Inizialmente il Comune si  appoggerà alle associazioni già esistenti e che si stanno mettendo a disposizione in questi giorni per soddisfare le richieste che emergeranno, naturalmente ognuna per la propria competenza. «Oltre a questo – spiega Benetti – qualora emergessero dei bisogni nuovi, o non ancora presi in carico, coinvolgeremo anche tutte le persone che tramite il questionario si sono messe a disposizione e lanceremo progetti di sostegno dedicati. La reale speranza è quella di dare avvio a un processo che possa far nascere una bella realtà di volontariato civico che coinvolga non solo associazioni di volontariato ma anche associazioni di altro genere, gruppi spontanei e privati cittadini».

«Chi, attraverso le risposte del questionario, manifesterà necessità più o meno impellenti – conclude Benetti – verrà ricontattato immediatamente da un’associazione che si occupa di quei bisogni o verrà indirizzato ai servizi competenti, gli altri cittadini verranno ricontattati una volta che si avrà un quadro completo dei progetti da mettere in campo per stare ulteriormente vicini ai nostri concittadini».

QUI IL QUESTIONARIO

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 20 Novembre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore