Quantcast

Inceneritore Accam, Franco Brumana: «Subito un consiglio comunale sull’ingresso di Amga»

Secondo il leader del Movimento dei Cittadini Amga non può permettersi di compiere un’azione di amministrazione straordinaria di questa rilevanza, che comporta rischi notevoli, senza l’approvazione del Comune di Legnano che e’ il suo socio di maggioranza

accam post incendio

Sulla nuova “super-società” che potrebbe salvare l’inceneritore Accam, con l’ingresso di Amga, partecipata del Comune di Legnano, interviene il neoeletto consigliere comunale Franco Brumana che, ancora prima della proclamazione del nuovo sindaco (Lorenzo Radice), chiede la convocazione di un consiglio comunale: «Amga – scrive Brumana in una nota su facebook – non può permettersi di compiere un’azione di amministrazione straordinaria di questa rilevanza, che comporta rischi notevoli, senza l’approvazione del Comune di Legnano che e’ il suo socio di maggioranza».

«Il nuovo sindaco – chiede il leader del Movimento dei Cittadini – convochi al più presto il consiglio comunale per decidere cosa dovrà fare AMGA .Dia inoltre tutte le informazioni sul piano di salvataggio elaborato da Amga , sulla situazione patrimoniale ed economica di Accam , sul piano economico e finanziario sino al 2032 elaborato a sostegno del progetto di Amga , sulla possibilità di ricondurre ACCAM nelle condizioni di una società in house , sulle conseguenze per Legnano di un fallimento di ACCAM , sulla convenienza di perseguire l’ipotesi alternativa di abbandonare ACCAM al suo destino e di puntare sulla realizzazione di un termovalorizzatore di nuova tecnologia e sull’inquinamento prodotto dall’attuale inceneritore . Riferisca inoltre quale sia l’interesse di AMGA (e quindi del comune di Legnano e dei Legnanesi ) ad investire ingenti capitali , a sottoscrivere fideiussioni a garanzia delle banche che finanzieranno l’operazione ed a rilevare con una nuova società i debiti di ACCAM .
Comunichi infine se ritiene doveroso o meno ricercare le responsabilità del dissesto di ACCAM al fine di dare mandato ad AMGA di agire in ogni sede di legge per ottenere un congruo risarcimento».

di valeria.arini@legnanonews.com
Pubblicato il 07 Ottobre 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore