Che macello la demolizione dell’ex Macello di Legnano: inevitabile, anzi no

Pareri diametralmente opposti quelli dei candidati sindaco Franco Brumana, contrario, e Franco Colombo, favorevole, sull'avvenuta demolizione della storica struttura

Abbattimento ex Macello di Legnano

«Un altro spreco di soldi e la distruzione di un pezzo della memoria storica legnanese per dare un comodo parcheggio ai vigili».
«Questo cambio d’uso di un’area a noi nota, non può che essere positivo, visto che la struttura, da anni ormai, versava nel degrado».
Due pensieri diametralmente opposti sulla demolizione avvenuta in settimana dell’ex Macello di Legnano, dove sorgerà un nuovo parcheggio automezzi della Polizia locale e della Protezione civile. Il primo appartiene all’avv. Franco Brumana di Movimento dei cittadini, il secondo al dr. Franco Colombo leader di una lista civica di centrodestra.

Abbattuto l’ex Macello di corso Magenta a Legnano

Secondo l’avv. Brumana «occorreva dare “un contentino” alla polizia locale dopo averle negato senza valide ragioni il trasferimento nell’ex tribunale dove avrebbe avuto una sede più adeguata . Si poteva inoltre compensare le tribolazioni inflitte all’impresa che era stata fatta impazzire per seguire i capricci di chi pensava di realizzare un’opera d’arte con la nuova assurda e costosissima pavimentazione della via Cavallotti voluta dalla giunta Fratus. Queste paiono le uniche motivazioni della scelta dell’abbattimento del ex macello invece del recupero dei due edifici per realizzare con poca spesa un luogo per valorizzare la passeggiata lungo l’Olona dedicandolo a mostre , a spettacoli , a museo del fiume e della sua cultura a punto di ristoro per chi a piedi o in bici si dirige sino al castello per poi proseguire lungo l’Olona Green Way verso Nerviano ed oltre o nell’altro senso, attraverso il nuovo parco da realizzare nell’area ex Bernocchi , sulla ciclabile nella valle Olona».
“Cattivissimo” il leader del Movimento dei cittadini  prosegue «E ‘ però noto che le ultime giunte avevano una sensibilità diversa dimostrata purtroppo con i ponti in corten nell’isola del castello o con la scelta di lasciare andare in malora gli stupendi solarium del parco del sanatorio. Si è così realizzato il parcheggio più costoso della città con la spesa di circa 100 mila euro alla quale va aggiunto il valore degli edifici demoliti . Come si diceva una volta: “tanto paga Pantalone “…».

Il dr. Franco Colombo, che invece aveva fatto parte della Giunta Fratus, dimettendosi prima della vicenda “Piazza Pulita”, difende la decisione confermata dalla dr.ssa Cristiana Cirelli, commissario straordinario in Comune: «Legnano volta pagina – scrive in una nota l’ex assessore alla cultura -. E per farlo deve passare anche attraverso la demolizione dell’ ex macello, sulla cui area verrà realizzato uno spazio contenitivo per i mezzi della polizia locale e della protezione civile. Questo cambio d’uso di un’area a noi nota, non può che essere positivo, visto che la struttura, da anni ormai, versava nel degrado. Ci piace pensare che il nuovo progetto sarà ben inserito nel contesto, mentre noi guardiamo ad altre strutture di archeologia industriale che con la loro straordinaria bellezza, possono davvero arricchire Legnano».

di direttore@legnanonews.com
Pubblicato il 12 Luglio 2020
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore