Quantcast

Troppi TIR nella zona di via De Gasperi a Nerviano, le richieste dei residenti in consiglio comunale

La viabilità nelle vie De Gasperi, Papa Giovanni XXIII, Monsignor Luigi Piazza e 1° maggio tra i banchi del consiglio con un'interrogazione di Fratelli d'Italia e Forza Italia

camion

La viabilità dell’area di via De Gasperi, Papa Giovanni XXIII, Monsignor Luigi Piazza e 1° maggio finisce tra i banchi del consiglio comunale di Nerviano con un’interpellanza di Fratelli d’Italia e Forza Italia, che durante l’ultima seduta del parlamentino hanno chiesto conto all’amministrazione dell’intenzione di dare seguito alle proposte avanzate dai residenti, da anni in prima fila nel denunciare le problematiche provocate dall’intensa circolazione di mezzi pesanti.

«Da almeno una decina di anni i cittadini residente nelle vie De Gasperi, Papa Giovanni XXIII, Monsignor Luigi Piazza, 1° maggio e limitrofe lamentano un caotico e rumoroso traffico pesante con gravi conseguenze mentali e di sicurezza, tra cui rumore, inquinamento e pericoli per la mobilità dolce che si reca verso le attività commerciali del vicino Sempione, ai parchi ricreativi e culturali della cava, all’ufficio di Polizia Locale e alla frazione di Cantone, alla sua pesca sportiva e al centro sportivo Re Cecconi – ha spiegato nell’interrogazione il capogruppo Sergio Garavaglia -. Il comune è intervenuto negli anni per cercare di contenere il problema con una propria ordinanza di divieto di passaggio dei mezzi di trasporto superiori alle cinque tonnellate e, senza che la stessa abbia inciso sulla soluzione del problema, con la creazione di dissuasori rialzati e limitando la velocità dei transitanti. I cittadini si sono riuniti in un comitato denominato “Stop Tir Nerviano” per incanalare e sostenere le proteste dei residenti, confrontarsi con le varie amministrazioni comunali e proporre soluzioni alle problematiche rilevate in modo democratico e non violento».

E proprio dalle richieste del comitato, che ha consegnato sia alla precedente amministrazione sia a quella attuale anche una relazione tecnica e una raccolta firme ed è intervenuta anche in commissione, ha preso le mosse l’interpellanza dell’opposizione, che si è concentrata soprattutto sulla realizzazione, con parziale revisione, della variante all’attuale circonvallazione sud prevista dal PGT, sulla rivisitazione degli attraversamenti pedonali rialzati per rallentare il traffico ed eliminare il rumore di ricaduta dei mezzi pesanti, sul cambiamento della segnaletica per tutelare maggiormente pedoni e ciclisti e sulla possibilità di istituire sensi unici e piste ciclabili che regolino la circolazione nella zona intorno al campo sportivo Re Cecconi.

«Per quanto riguarda la realizzazione della circonvallazione, non abbiamo previsto interventi che riguarderebbero in ordine almeno tre rotatorie, un tratto viario, la ricalibratura di un altro importante tratto viario e la realizzazione di un ponte sull’Olona, opere stimabili in almeno 4 o 5 milioni di euro – ha replicato l’assessore alla partita Sergio Parini -. Il primo tassello potrebbe essere la rotatoria sul Sempione, che dovrebbe essere finanziata attraverso un contributo a carico di chi realizzerà lo sciagurato intervento del “Fungo”, aggiudicato recentemente per 750mila euro e vedremo la nuova proprietà che intenzioni avrà in merito: quando lo chiariremo, avremo anche occasione di affrontare questa questione. Un’opera di quel genere, comunque, riveste sicuramente carattere sovracomunale. Per quanto riguarda invece gli attraversamenti, quella strada presenta un problema che non è semplificabile con questi accorgimenti: il calibro stradale è troppo ampio, quel viale deve essere riprogettato. Non vedo poi percorribile la possibilità di istituire sensi unici: l’unica strada che si potrebbe eventuale prestare è via Sant’Anna, per le altre, essendo strade di collegamento, il senso unico non è una soluzione percorribile dal mio punto di vista».

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 23 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore