Quantcast

Nerviano, dai banchi dell’opposizione un’interpellanza per i parcheggi rosa

Regolamentati a livello nazionale per la prima volta nei mesi scorsi, i parcheggi rosa sono al centro di un'interpellanza di Lega, GIN e Con Nerviano

parcheggio rosa

Parcheggi rosa per donne in gravidanza e genitori con bimbi fino a due anni. La richiesta arriva dal gruppo di opposizione di Nerviano formato da Lega, Gruppo Indipendente Nervianese e Con Nerviano, che tramite il consigliere Massimo Cozzi ha presentato un’interpellanza per chiedere conto alla giunta dell’intenzione di sfruttare la possibilità offerta dal nuovo codice della strada ed eventualmente delle tempistiche delle modalità con cui Piazza Chiesa pensa di dotarsi di questi posti auto.

«A partire da Novembre 2021 sono state introdotte delle nuove regole all’interno del codice della strada, fra le quali l’introduzione ufficiale e la regolamentazione dei “parcheggi rosa” – spiega l’ex primo cittadino nel documento -. Si tratta in realtà di parcheggi esistenti da tempo in diversi comuni, compreso Nerviano, per i quali finalmente ora esiste una vera e propria normativa nazionale che li disciplina. Servirà apposita ordinanza del sindaco per stabilire gli spazi riservati alle donne in gravidanza e ai neo genitori con un bambino o bambina di età non superiore ai due anni, che dovranno avere con sé apposito contrassegno speciale. I comuni hanno quindi la possibilità di realizzare dei parcheggi rosa, previsti espressamente dalla legge».

«In via sperimentale ne avevamo già qualcuno sia nel capoluogo che nelle frazioni – aggiungono dalla sezione di Nerviano della Lega -. Ora con questa svolta, ci auguriamo che vengano incrementati sul territorio e vengano regolamentati in breve tempo. È una azione di assoluto buonsenso ed educazione civica che, ci auguriamo, Nerviano porti avanti con convinzione e decisione».

Già presenti sulle strade di tutta Italia da tempo, con le modifiche al codice della strada entrate in vigore a novembre dello scorso anno i parcheggi rosa hanno trovato per la prima volta una disciplina uniforme a livello nazionale, mentre in precedenza erano i singoli comuni a decidere se e dove prevederli. Per utilizzare gli stalli riservati a donne incinta e neogenitori servirà un contrassegno ad hoc, il cosiddetto “permesso rosa”: per i trasgressori la multa va da 80 a 328 se ad occupare un parcheggio riservato è un ciclomotore e da 165 a 660 euro per gli altri veicoli.

di leda.mocchetti@legnanonews.com
Pubblicato il 14 Maggio 2022
Leggi i commenti

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di VareseNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

Segnala Errore